Quantcast

Al lavoro gli studenti della Summer School. Giovedì intervento di Aldo Grasso

Entra nel vivo OC OPEN CITY, l’International Summer School del Politecnico di Milano. Nella giornata di martedì, i 90 studenti iscritti - in rappresentanza di 10 diversi paesi - insieme a tutor e docenti che li affiancano si sono recati sulle aree di progetto per il primo sopralluogo

Più informazioni su

Entra nel vivo OC OPEN CITY, l’International Summer School del Politecnico di Milano. Nella giornata di martedì, i 90 studenti iscritti – in rappresentanza di 10 diversi paesi – insieme a tutor e docenti che li affiancano si sono recati sulle aree di progetto per il primo sopralluogo.

Sintetizzando le loro riflessioni con schizzi, fotografie, testi e video, i giovani architetti si sono concentrati sugli aspetti morfologici e tipologici prevalenti della città di Piacenza. Le aree di interesse sono collocate lungo le mura che cingono il centro storico e coinvolgono vaste zone dismesse o sotto-utilizzate, tutte caratterizzate da un elevatissimo valore, sia storico-artistico che ambientale.

I ragazzi – divisi in gruppi – presenteranno alla fine delle tre settimane (ma venerdì prossimo è già prevista una prima revisione critica con numerosi docenti) diversi progetti urbani che serviranno da stimolo anche all’amministrazione comunale per la redazione dei propri piani e programmi di sviluppo urbano.

In particolare, la direzione della Scuola ha individuato 3 temi / problema su cui gli studenti proporranno soluzioni di carattere urbano e architettonico: un parco delle mura, quindi caratterizzato da altissimi valori ambientali e storici, un sistema di mobilità leggera con il bike sharing, nuove residenze speciali e servizi.

Parallelamente al lavoro del workshop, nei padiglioni del Campus Arata, prosegue anche il fitto e intenso programma di conferenze (che sono aperte a tutta la città).
Dopo il confronto tra un progettista catalano, autore di numerosi spazi museali ed espositivi come Jordi Garces, e uno ticinese, il docente all’Architettura di Mendrisio, Michele Arnaboldi, mercoledì sarà la giornata dello studio madrileno Paredes & Pedrosa, che parleranno insieme ad Aldo Aymonino, docente allo IUAV di Venezia, e ad un altro architetto e docente proveniente da Barcellona, Estanislau Roca.

Giovedì sera, l’orizzonte si sposta verso il tema della comunicazione nella contemporaneità e di come i suoi cambiamenti influenzano il vivere nelle città. Relatore sarà il noto critico televisivo del Corriere della Sera, oltre che docente universitario, Aldo Grasso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.