Quantcast

Dimissioni consiglieri Seta, Foti: “Il Comune batta un colpo”

“L’azienda più significativamente coinvolta nei servizi al cittadino, tale essendo il trasporto pubblico, è rimasta senza i vertici amministrativi, e si fa finta di niente. Il Comune di Piacenza, che di Seta è il principale azionista piacentino e che nel Consiglio di Amministrazione della stessa esprime un proprio rappresentante, batta un colpo”.

Più informazioni su

Comunicato stampa dell’onorevole del Pdl Tommaso Foti relativo alle recenti dimissioni di due consiglieri del cda di Seta.

“L’azienda più significativamente coinvolta nei servizi al cittadino, tale essendo il trasporto pubblico, è rimasta senza i vertici amministrativi, e si fa finta di niente. Il Comune di Piacenza, che di Seta è il principale azionista piacentino e che nel Consiglio di Amministrazione della stessa esprime un proprio rappresentante, batta un colpo”.

“Le motivazioni con le quali i due consiglieri di amministrazione – entrambi espressione del socio privato dell’azienda di trasporto – si sono dimessi, non possono essere sottovalutate. All’accusa agli Enti Locali di non provvedere a sostenere economicamente la società secondo gli accordi stipulati, si deve dare una risposta forte e chiara, indipendentemente dal fatto che questo risponda o meno a verità”.

“La fusione di Tempi in Seta, primo disegno precursore di quell’area vasta amministrativa che oggi si vorrebbe applicata anche al riordino delle Province, in realtà fu dall’inizio una ciambella senza il buco, essendosi sfilata Parma e ben sapendo che soprattutto i conti economici dell’azienda di trasporto pubblico di Reggio Emilia facevano rabbrividire”.

“Da parte dei piacentini l’assenso all’operazione avvenne come noto sulla base di precise promesse dell’Assessore regionale Peri di sostenere economicamente da parte della Regione la fusione, evitando quindi agli Enti Locali di dovervi provvedere con le risorse economiche dei propri bilanci. Ora qui deve essere chiarito una volta per tutte se le promesse fatte dall’Assessore Peri sono state onorate o se invece da qui a qualche giorno, magari in occasione di una variazione di bilancio, i soldi dei piacentini dovranno essere per l’ennesima volta utilizzati per far fronte ai mancati impegni della Regione”.

“Ma se così dovessero stare le cose, allora non si vede perché Tempi non sia stata tenuta in piedi ancora un anno – come la Legge consentiva – e non siano state prese in considerazione prospettive di integrazione che promanavano da privati, ad esempio la Star di Lodi, per dare invece spazio a una scelta partitica più che industriale”.

“In ogni caso, appare indispensabile che il Sindaco Dosi o l’Assessore delegato Timpano informino adeguatamente il consiglio e la città sulle scelte che l’Amministrazione comunale intende porre in essere”.

On. Tommaso Foti
Consigliere comunale Il Popolo della Libertà

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.