Quantcast

Export e commercio, Cantine 4 Valli protagonista a Londra

Considerando che negli ultimi anni il mercato britannico è stato uno dei pochi a tener botta alla crisi economica registrando in modo particolare un interesse crescente verso i prodotti agro-alimentari italiani, quale migliore vetrina se non un workshop tutto italiano e con tante aziende piacentine nel cuore di Londra.

Considerando che negli ultimi anni il mercato britannico è stato uno dei pochi a tener botta alla crisi economica registrando in modo particolare un interesse crescente verso i prodotti agro-alimentari italiani, quale migliore vetrina se non un workshop tutto italiano e con tante aziende piacentine nel cuore di Londra.
Martedì 25 settembre l’ICE Istituto nazionale per il commercio estero, ha organizzato un workshop con alcune aziende italiane di prodotti agro alimentari che intrattengono contatti col mercato inglese. Secondo una recente indagine il mercato britannico è interessato in particolare alle specialità regionali e ai prodotti DOC, DOP e IGP del nostro paese, ciò presenta un quadro favorevole per l’export italiano, basti pensare che il Regno unito costituisce attualmente il quarto mercato dopo Usa, Francia e Germania.
Fra le aziende di Piacenza che parteciperanno al workshop organizzato dal Consorzio Piacenza Alimentare in mezzo a salumi e latticini ci sarà il vino dell’azienda vitivinicola Cantine 4 Valli.
Massimo Perini, direttore commerciale dell’azienda sarà presente a Londra per prender parte all’evento considerato che per la cantina piacentina il mercato d’oltre manica rappresenta un ottimo sbocco già da tempo, cosa dimostrata dalla presenza sul territorio di distributori.
Questo workshop sarà occasione per farsi notare maggiormente e consolidare le relazioni commerciali create in questi anni.
In merito all’iniziativa Massimo Perini ha affermato“da sempre gli inglesi invidiano il nostro cibo e vino per la qualità e mai come adesso è necessario conquistare il loro mercato puntando proprio sulla qualità dei nostri prodotti made in Italy o in questo caso made in Piacenza”.
Altri workshop erano già stati realizzati nel 2008 e nel 2011 con notevole successo, riscosso dalle aziende nel breve e nel lungo termine.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.