Quantcast

La Carovana della fraternità nel cuore della città

Domenica 30 settembre la cerimonia di apertura della Carovana della Fraternità a Piacenza. 

La Carovana della Fraternità arriva nel cuore della nostra città. “Percorsi di speranza” è il fil rouge che lega il ricco calendario di eventi che si terranno dal 30 settembre al 14 ottobre nelle parrocchie dell’Unità pastorale 1 (Cattedrale, Sant’Anna, Sant’Antonino, San Carlo, San Paolo e San Savino). Promossa dall’UP1, con il supporto della Caritas diocesana, La Carovana della Fraternità è uno strumento per animare la comunità cristiana affinché cresca la sua sensibilità di fronte alle forme di disagio e di difficoltà, affinché si riportino al centro le buone relazioni, si annuncino carità, speranza ed amore.

La Carovana della Fraternità arriva nel cuore della nostra città. “Percorsi di speranza” è il fil rouge che lega il ricco calendario di eventi che si terranno dal 30 settembre al 14 ottobre nelle parrocchie dell’Unità pastorale 1 (Cattedrale, Sant’Anna, Sant’Antonino, San Carlo, San Paolo e San Savino). Promossa dall’UP1, con il supporto della Caritas diocesana, La Carovana della Fraternità è uno strumento per animare la comunità cristiana affinché cresca la sua sensibilità di fronte alle forme di disagio e di difficoltà, affinché si riportino al centro le buone relazioni, si annuncino carità, speranza ed amore.

“La Carovana della Fraternità – ha spiegato Massimo Magnaschi nel corso della conferenza stampa di martedì 25 settembre – nasce nella diocesi di Carpi e successivamente è stata portata nelle diocesi di Reggio Emilia e di Piacenza- Bobbio”. Da gennaio le parrocchie dell’UP1 stanno lavorando per proporre l’esperienza anche nelle parrocchie del centro storico. “Il testo evangelico – ha spiegato mons. Giampiero Franceschini, parroco di San Savino – dell’apparizione ai discepoli di Emmaus (Lc. 24, 13-35) condurrà il cammino di questi 15 giorni: lo sconforto dei discepoli incapaci di cogliere il senso della Pasqua è l’esperienza dei nostri giorni bui in cui non riusciamo a vedere il senso di ciò che accede ma la gioia che viene dal riconoscimento di Gesù nella Parola e nel Pane spezzato è la speranza che la nostra fede porta alla vita”.

Come hanno spiegato Chiara Sacchi, il parroco di Sant’Antonino don Giuseppe Basini ed Antonella Bernini, “La Carovana della Fraternità” prenderà il via domenica 30 settembre quando, alle ore 11, si terrà la celebrazione d’apertura “Alla scuola di Emmaus” con tutti i parroci dell’Up1.

Mercoledì 3 ottobre, alle 21,  nel salone parrocchiale della Cattedrale è in programma il dibattito pubblico “la famiglia crocevia di relazioni” dal prof. Giovanni Marchioni.

Venerdì 5 ottobre, alle ore 20.30, dalla Chiesa di Sant’Anna alla Basilica di Sant’Antonino si terrà la fiaccolata attraverso i luoghi caritativi dell’UP1 con testimonianze degli operatori e, al termine, adorazione eucaristica “Lo riconosciamo allo spezzare il pane”.

Sabato 6 ottobre sarà dedicato ai ragazzi: dalle 15 alle 18 in San Savino festa per bambini e ragazzi “Rimani con noi! Il tempo donato non è mai perso”. Venerdì 12 ottobre, alle ore 21, invece, in Piazza Sant’Antonino è previsto il concerto di Marco Rancati “Amore: parliamone in musica”.

La celebrazione di chiusura è prevista per domenica 14 ottobre, alle ore 11.30 nella basilica di Sant’Antonino; alle ore 18, nella basilica medesima si terrà il concerto dell’orchestra Nicolini/Respighi “Tutto è dono”.

Venerdì 5 ottobre (dalle 16 alle 19 in Piazza Duomo), mercoledì 10 ottobre (dalle 17 alle 20 alla Stazione ferroviaria) e sabato 13 ottobre (dalle 15.30 alle 19 sul Pubblico Passeggio, angolo via Giordani) verrà allestita una tenda che sarà un luogo di incontro per ragazzi, giovani ed adulti, dovo scambiare parole e messaggi di speranza, condividere valori dell’amicizia e di fraternità, conoscere esperienze di volontariato in ambito caritativi. Sarà in vendita il CD dei giovani dell’UP1 ed il ricavato sarà utilizzato per finanziare iniziative caritative.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.