Quantcast

Provincia “Emilia”, a Reggio nasce il comitato: “Da Piacenza a Modena”           

Nasce a Reggio Emilia il comitato di sostegno al progetto “Emilia”, l’aggregazione amministrativa che dovrebbe riunire le province di Modena, Reggio, Parma e Piacenza. I media reggiani parlano di una raccolta di firme per sostenere questo progetto che sarà presentato questa mattina in conferenza stampa

Più informazioni su

Nasce a Reggio Emilia il comitato di sostegno al progetto “Emilia”, l’aggregazione amministrativa che dovrebbe riunire le province di Modena, Reggio, Parma e Piacenza. I media reggiani parlano di una raccolta di firme per sostenere questo progetto che sarà presentato questa mattina in conferenza stampa.

Al comitato, che intende sostenere l’ipotesi di un’aggregazione ampia tra le province emiliane, parteciperanno le principali istituzioni reggiane. Dalla presidente della Provincia Sonia Masini, al sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, e poi altre personalità in vista del territorio: Mauro Severi (architetto), Maurizio Zamboni (ingegnere), Celestina Tinelli (avvocato già componente del Csm), Claudio Pedrazzoli (medico, primario della chirurgia 1 del S. Maria Nuova), Fulvia Salvarani (titolare del ristorante Rigoletto di Reggiolo), Francesca Mattioli (esperta d’economia), Daniele Franci (attore, regista e direttore Centro Etoile), Andrea Davoli (libero professionista), Maria Paola Ruggieri (data manager di Radioterapia al S. Maria Nuova).

“Il progetto – come informa una nota della Provincia di Reggio – ha già trovato numerose adesioni, come quelle del dottor Giuliano Bedogni (medico, ex primario dell’unitá operativa di endoscopia digestiva all’arcispedale S. Maria Nuova) e della dottoressa Cinzia Iotti (primario di Radioterapia allo stesso nosocomio cittadino)”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.