Provinciali Valnure e Valdaveto, Pollastri: “Migliorare la sicurezza”

“La Regione intende intervenire per migliorare e mettere in sicurezza i tracciati delle Strade ex Statali della Valnure e della Valdaveto?”, lo chiede con un’interrogazione Andrea Pollastri (PdL)

“La Regione intende intervenire per migliorare e mettere in sicurezza i tracciati delle Strade ex Statali della Valnure e della Valdaveto?”, lo chiede con un’interrogazione Andrea Pollastri (PdL).

“Il tratto della S.P. n. 654 R “di Valnure” compreso tra Bettola e il Passo dello Zovallo e quello della S.P. n. 586 R “della Valdaveto” tra Marsaglia e Boschi – spiega – da diversi anni necessitano interventi di miglioramento per renderli più scorrevoli e sicuri, modificando, dove occorre, i tracciati, allargandoli e raddrizzando le curve più pericolose, nonché provvedendo al rifacimento del manto ed alla messa in sicurezza dei punti pericolosi installando guardrail e segnali adeguati”.

“La portata economica – prosegue il Consigliere Regionale – e le difficoltà tecnico-ambientale della realizzazione degli interventi, oltre agli studi geologici ed ingegneristici necessari alla progettazione, non sono sopportabili unicamente da parte degli Enti Locali, Provincia e Comuni: è necessario che la Regione intervenga in prima persona.”

“Per questo – sostiene ancora – invito la Giunta guidata da Errani, in accordo con la Provincia di Piacenza, a fare un elenco degli interventi necessari, facendo anche una stima dei costi, per valutare sino a che punto la Regione possa arrivare a finanziare le opere.” “Queste vie congiungono la Provincia di Piacenza con quelle di Genova e Parma, costituendo nodi nevralgici di contatto tra la pianura, l’Appennino e il mare, giornalmente percorsi da tantissime persone per motivi di studio, lavoro o turismo: garantirne una percorribilità rapida ed efficiente è elemento essenziale per favorire lo sviluppo della montagna ed un incentivo per i residenti a rimanere sul territorio.”

“Anche per questo – sostiene l’azzurro – la loro efficienza non può avere solo una valenza locale ma deve essere trattata su scala sovraprovinciale e sovraregionale: per questo chiedo che si avvii un percorso condiviso con la Regione Liguria e le Province di Piacenza, Parma e Genova per coordinare il da farsi per il miglioramento complessivo dei tracciati.”

“Di questa ipotesi – conclude – ne parlarono nel 2008 le allora Giunte di centro-sinistra di Chiavari e della Provincia di Piacenza, ma non si è avuto alcun seguito: è giunto il momento di passare ai fatti.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.