Quantcast

“Gioca e impara” al Museo di Storia Naturale, una iniziativa per i più piccoli

Iniziativa al museo civico per fare conoscere la natura ai più piccoli

Gioca e impara al museo è una iniziativa che il Museo civico di storia naturale propone, per il secondo anno, ai bambini di una età compresa fra i 3 e i 7 anni, con l’obiettivo di farli familiarizzare con l’ambiente museale e arricchire le loro conoscenze della natura.

Questa iniziativa si ricollega al progetto più ampio dei laboratori didattici che il museo, in collaborazione col Comune di Piacenza, la Società piacentina di scienze naturali e la Fondazione di Piacenza e Vigevano, metteranno in atto con diverse scuole della provincia.

Come ha spiegato l’assessore comunale Tiziana Albasi, il fine è quello di mettere in contatto i ragazzi, tramite metodiche diverse in base all’età e alla scuola che frequentano, con la natura che li circonda, le diverse realtà ambientali e i differenti ecosistemi.

Gioca e impara al museo, come ha spiegato Annarita Volpi, è una iniziativa focalizzata per i più piccoli, che tramite il gioco e attività manuali, vuole sfatare falsi miti e mettere in contatto i ragazzini con la natura. Il primo di quindici incontri andrà in scena mercoledì 31 ottobre e il tema sarà “il lombrico”. Questo animale verrà raccontato nei suoi aspetti più buffi e curiosi, poi, tramite semplici attività manuali verrà creato un lombrico commestibile. Data la concomitanza con Halloween ci sarà la possibilità di essere truccati all’entrata del museo. Come per tutti gli incontri occorre prenotare al numero 0523/337745, la mattina dal lunedì e venerdì.

Sempre Annarita Volpi, insieme a Vittoria Gregori Cocconcelli, presidentessa della Società piacentina di scienze naturali, ha parlato del programma più ampio in cui si innesta l’iniziativa della serata di mercoledì. Il progetto comprende laboratori didattici per la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria. I laboratori sono solitamente di quattro ore, due propedeutiche e due in loco, ossia in mezzo alla natura. L’anno scorso, in cui hanno partecipato ben 168 classi, hanno avuto molto successo le lezioni riguardanti il tema della mineralogia e quelle avvenute nell’Aula blu, una vecchia casa riadatta ad aula con microscopi, un proiettore e carte topografiche, a Mirafiori di Rivergaro, in cui gli alunni possono mettere subito in pratica le conoscenze acquisite, sul greto del Trebbia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.