I classici verdiani protagonisti della lirica al Municipale I CARTELLONI foto

Presentata oggi la stagione lirica, concertistica e del balletto al teatro Municipale di Piacenza. Protagonisti della stagione lirica i classici della produzione verdiana. In allegato tutti gli appuntamenti in cartellone. 

Più informazioni su

La stagione musicale 2012-13 della Fondazione Teatri di Piacenza sta per partire e quest’anno, andando anche controtendenza rispetto ad altre realtà teatrali, propone un repertorio di spettacoli veramente ricco. 
Il cartellone della stagione musicale è stato presentato questa mattina durante la conferenza stampa presso il Ridotto del Teatro Municipale alla presenza del sindaco Paolo Dosi, dell’assessore alla Cultura Tiziana Albasi e da Angela Longieri, direttore della Fondazione Teatri. 
Sono inoltre intervenuti il presidente della Fondazione Toscanini Maurizio Roi, il presidente dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini Mario Salvagiani, il sovrintendente del Ravenna Festival Antonio De Rosa, Andrea Pecchio della segreteria artistica della Fondazione Arturo Toscanini, il responsabile della programmazione danza di Ater Roberto De Lellis, il presidente del Gruppo Ciampi Claudio Saltarelli, il presidente dell’associazione Amici della Lirica Sergio Buonocore e Maria Cristina Romanini dell’associazione Nel pozzo del giardino. 
 
“I cartelloni si intersecano sempre più con una valorizzazione delle realtà culturali locali piacentine– ha detto il Sindaco Paolo Dosi- Piacenza è una città che non solo può vantare la presenza di un teatro importante com’è il Teatro Municipale, ma è una città che si fa parte attiva per animare il teatro.”
“Questo come sappiamo non è un periodo di grande prosperità ma crediamo che la cultura sia un buon veicolo di reazione di fronte alle difficoltà, per questo è fondamentale tutelare e promuovere le iniziative culturali della nostra città. È importante oggi operare sul fronte del coinvolgimento di un nuovo pubblico, ma crediamo che grazie al grande contributo di Angela Longeri e di tutti coloro che hanno collaborato, si sia riuscito a trovare un equilibrio con un’adeguata organizzazione e un’ottima offerta culturale.”
 
Il Teatro Municipale anche per quest’anno offre tre stagioni ben distinte, quella lirica, quella concertistica e quella di danza.
 
Stagione Lirica
Giuseppe Verdi è al centro della Stagione lirica 2012-2013 della Fondazione Teatri di Piacenza. Don Carlo e Otello, due fra le opere più complesse della sua produzione, sono i primi titoli del cartellone che si completerà con l’amata “Trilogia popolare”: Rigoletto, Trovatore, Traviata. 
Accanto a Verdi ritroveremo Mozart con Le nozze di Figaro, in un progetto volto a valorizzare i giovani interpreti e realizzato insieme all’Accademia Cubec di Mirella Freni.
 
Stagione Concertistica
Otto appuntamenti per un percorso molto articolato che vedrà protagonisti giovani cantanti e talenti conosciuti e che incomincia dalla musica barocca per arrivare fino a Mahler (la Sinfonia n.6) Ravel e Stravinskij, passando per Mozart (Sinfonia n.40) e Beethoven (Sinfonia n.7). Così si presenta la Stagione Concertistica 2012/2013 della Fondazione Teatri di Piacenza che vedrà altresì protagoniste le bacchette di Kazushi Ono, Asher Fisch e Ton Koopman, tra i più blasonati maestri della prassi antica, e solisti del calibro di Mischa Maisky, Sergej Krylov ed Enrico Pace. Verdi, nel bicentenario della nascita, sarà ricordato con un doppio omaggio: con il tenore Giuseppe Filianoti, piacentino d’adozione assieme ad altre prestigiose voci, e con il Coro del Teatro Municipale di Piacenza guidato da Corrado Casati.
 
Stagione di danza
Cinque gli appuntamenti della Stagione di danza 2012-2013 che aperta dal classico Lago dei cigni sarà chiusa da Traviata, un omaggio a Verdi della Compagnia Artemis/Monica Casadei. Dopo aver ospitato in passato l’Alvin Ailey American Dance Theater, il Municipale di Piacenza presenta poi la giovane compagnia Ailey II, la nuova produzione interamente dedicata a Stravinskji di Aterballetto e l’omaggio alla celebre coreografa svedese Birgit Cullberg di alcuni danzatori del Teatro alla Scala.
 
In..canto d’opera e San Silvestro a Teatro
L’Associazione Culturale nel Pozzo del Giardino, in collaborazione con la Fondazione Teatri di Piacenza, proporrà la rassegna In…canto d’opera.
La rassegna presenterà le opere in cartellone nella stagione lirica 2012/2013 del Teatro Municipale di Piacenza con l’intento di aiutare il pubblico nella comprensione dei titoli che successivamente verranno proposti.
Per il secondo anno consecutivo inoltre, spetterà alla 15Orchestra di chiudere il 2012 e festeggiare il 2013 al Teatro Municipale con l’abituale concerto “San Silvestro a teatro”.

Comunicato lirica
Giuseppe Verdi è al centro della Stagione lirica 2012-2013 della Fondazione Teatri di Piacenza. Don Carlo e Otello, due fra le opere più complesse della sua produzione, sono i primi titoli del nostro cartellone che si completa con l’amata “Trilogia popolare”: Rigoletto, Trovatore, Traviata. Accanto a Verdi ritroveremo Mozart con Le nozze di Figaro, in un progetto volto a valorizzare i giovani interpreti e realizzato insieme all’Accademia Cubec di Mirella Freni

 
In grande stile, la Fondazione Teatri di Piacenza si appresta a celebrare Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario della nascita; un ricordo più che doveroso per il maestro legato, come è noto, alla terra piacentina sia per vincoli parentali che per la dimora di Sant’Agata di Villanova. Il cartellone della Stagione lirica 2012-2013 gli concede dunque un posto d’onore con ben cinque opere in programma. In scena al Municipale saranno due dei drammi più complessi della sua produzione Don Carlo e Otello, nonché l’amata e nota “trilogia popolare”: Rigoletto – Trovatore – Traviata. Con i primi due siamo di fronte a capolavori della maturità verdiana i cui momenti di realizzazione si intersecano: infatti, le ultime rielaborazioni del Don Carlo e l’inizio della concezione di Otello risalgono agli stessi anni. Otello, peraltro, insieme a Traviata è stata l’opera in scena a Piacenza anche nel primo centenario della nascita di Verdi nel 1913. E sarà proprio la Traviata, negli allestimenti curati dal Ravenna Festival, a chiudere la prossima Stagione.

La seconda opera in cartellone è di Wolfgang Amadeus Mozart, altro grande genio del teatro lirico: Le Nozze di Figaro, il primo (1786) dei tre libretti di Lorenzo da Ponte che Mozart vestì di musica.

 
Don Carlo in scena il 28 ottobre e 30 ottobre ore 19,30 (Turni A e B) viene realizzato nella versione in cinque atti, che Verdi realizzò nel 1886 per Modena. 
Lo spettacolo in scena al Municipale è un nuovo allestimento per la regia di Joseph Franconi Lee, con le scene dipinte da Alessandro Ciammarughi, prodotto dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena in collaborazione con la Fondazione Teatri di Piacenza. Il cast comprende i due tenori Mario Malagnini e Sergio Escobar che si alternano nel ruolo del titolo, il basso Giacomo Prestia (Filippo II), il baritono Simone Piazzola (Rodrigo), il basso Luciano Montanaro (Grande Inquisitore), il soprano Cellia Costea (Elisabetta), il mezzosoprano Alla Pozniak (Principessa d’Eboli), Fabrizio Ventura dirige l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna; il Coro Amadeus – Fondazione Teatro Comunale di Modena è guidato da Stefano Colò.

Dopo Don Carlo, la stagione lirica presenta nel mese di dicembre Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart in un nuovo allestimento che nasce a Piacenza firmato da Rosetta Cucchi. Peculiarità di questo spettacolo, in scena il 16 dicembre 2012 ore 15.30 (turno A), 18 dicembre 2012 ore 20.30 (turno B) e 20 dicembre 2012 ore 20.30 (fuori abbonamento) è la collaborazione con l’Accademia d’Alto Perfezionamento CUBEC (Centro Universale del Bel Canto) fondata da Mirella Freni e Nicolaj Ghiaurov. Nel cast figurano due voci esperte quanto stimate come il basso Simone Alberghini nel ruolo di Figaro e Annalisa Stroppa in quello di Cherubino; la Stroppa è stata applaudita al Municipale nella scorsa stagione nel ruolo di Stéphano in Roméo et Juliette. Accanto a loro nel ruolo di Susanna Ruzan Mantashyan, mentre la Contessa sarà interpretata da Nozuko Teto e il Conte da Valeriu Caradja; completano il cast: Barbara Aldegheri (Marcellina), Fumitoshi Miyamoto (Don Bartolo), Matteo Lippi (Don Basilio), Sara De Matteis (Barbarina), Felipe Correia Oliveira (Antonio). Aldo Sisillo dirige l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna; il Coro del Teatro Municipale di Piacenza è diretto da Corrado Casati; le scene sono di Tiziano Santi e costumi di Claudia Pernigotti. A dare prestigio a questa produzione piacentina è la presenza di due partner come la Fondazione Teatro Comunale di Modena e la Baltimore Opera Theatre.

La Stagione prosegue con Otello capolavoro della maturità verdiana. Al Municipale l’opera, prodotta dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena in coproduzione con la Fondazione Teatri di Piacenza e l’allestimento del Teatro Regio di Parma, andrà in scena il 22 marzo ore 20,30 (turno A) e 24 marzo ore 15,30 (turno B). Lo spettacolo, per la regia di Alberto Fassini, con le scene di Mauro Carosi, i costumi di Odette Nicoletti e le luci di Fiammetta Baldisserri, sarà ripreso da Pier Francesco Maestrini. Nel cast il tenore Kristian Benedikt nel ruolo di Otello, il soprano Asmik Grigorian (Desdemona), il baritono Alberto Mastromarino (Jago), il tenore Arthur Espiritu (Cassio), il tenore Gianluca Bocchino (Roderigo), il basso Enrico Turco (Lodovico) e il baritono Matteo Ferrara (Montano); Maurizio Barbacani dirige l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna. 

A chiudere la Stagione sarà la nota trilogia popolare in un nuovo allestimento curato dal Ravenna Festival per la regia di Cristina Mazzavillani Muti e la presenza dell’Orchestra giovanile Luigi Cherubini diretta da Nicola Paszkowski, con la partecipazione del Coro Lirico Terre Verdiane di Piacenza diretto dal maestro Corrado Casati. Rigoletto, nuovo allestimento, coprodotto da Ravenna Festival, Teatro Alighieri Ravenna e Fondazione Teatri di Piacenza sarà in scena per il turno A il 6 aprile (ore 20,30) per il turno B il 9 aprile (ore 20,30). Il Trovatore, una coproduzione Ravenna Festival, Teatro Alighieri Ravenna e Fondazione Teatri di Piacenza sarà quindi rappresentato per il turno A il 7 aprile (ore 15,30), per il turno B il 10 aprile (ore 20,30). La Traviata, una coproduzione Ravenna Festival, Teatro Alighieri Ravenna, Teatro Comunale di Ferrara e Fondazione Teatri di Piacenza sarà infine in scena per il turno A l’8 aprile (ore 20,30), per il turno B l’11 aprile (ore 20,30). 

 
ABBONAMENTI – La campagna abbonamenti 2012-2013 inizia con il rinnovo delle tessere, che è possibile effettuare, per chi intende rinnovare l’abbonamento per tutte e sei le opere liriche, da giovedì 20 settembre a mercoledì 26 settembre, (apertura straordinaria domenica 30 settembre), per chi intende rinnovare l’abbonamento per tre opere liriche (Don Carlo – Otello – Nozze di Figaro oppure Rigoletto – Trovatore – Traviata), da sabato 29 settembre a mercoledì 3 ottobre. I cambi posto si possono invece effettuare venerdì 5 ottobre. Chi non intendesse esercitare il diritto di prelazione, è cortesemente pregato di darne comunicazione tramite mail (biglietteria@teatripiacenza.it), telefono (0523 492251) o fax (0523 320365).

Alla scadenza di tale data, la biglietteria potrà disporre del posto non confermato e renderlo disponibile ad altri che ne facessero richiesta all’apertura della sottoscrizione dei nuovi abbonamenti, per tutte e sei le opere liriche, da sabato 6 ottobre a domenica 28 ottobre (aperture straordinarie domenica 7 e 14 ottobre), per tre opere liriche (Don Carlo – Otello – Nozze di Figaro oppure Rigoletto – Trovatore – Traviata), da mercoledì 10 ottobre a domenica 28 ottobre (aperture straordinarie domenica 7 e 14 ottobre). I biglietti singoli saranno in vendita da domenica 14 ottobre.

La stagione concertistica

I balletti

Comunicato In canto d’opera

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.