Quantcast

Atlantis, fumata nera. Possibile rinvio di 15 giorni foto

E' in corso a Roma l’incontro dedicato alla crisi Atlantis, sembra tuttavia profilarsi un rinvio della seduta a una decina - quindicina di giorni. Un mese fa la proprietà ha annunciato la dismissione della sede di Sariano di Gropparello, comunicando nei giorni successivi il licenziamento di 180 lavoratori

Più informazioni su

Aggiornamento ore 12 e 30 – E’ in corso a Roma l’incontro dedicato alla crisi Atlantis, sembra tuttavia profilarsi un rinvio della seduta a una decina – quindicina di giorni. A breve nuovi aggiornamenti. 

Si terrà oggi a Roma il vertice su Atlantis, richiesto dalle organizzazioni sindacali confederali con il supporto della Provincia di Piacenza e dei parlamentari. Ricordiamo che circa un mese fa la proprietà ha annunciato la dismissione della sede di Sariano di Gropparello, comunicando nei giorni successivi il licenziamento di 180 lavoratori. L’azienda, pur avendo cambiato proprietari nel tempo, da 40 anni produce barche e yacht. L’attività dovrebbe chiudere alla fine dell’anno. 


Rifondazione: “No alla chiusura di Atlantis”

“Esprimiamo la nostra solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori di Atlantis di Sariano, vista la totale irresponsabilità dell’azienda”, hanno dichiarato Nando Mainardi e David santi, rispettivamente segretario per l’Emilia-Romagna e il segretario della federazione di Piacenza di Prc.

“Non solo, da un giorno all’altro, i 180 lavoratori hanno ricevuto la notizia nelle settimane scorse che Atlantis chiuderà entro la fine dell’anno, ma che si punta al vero e proprio smantellamento dello stabilimento piacentino. Atlantis punta ad un’azione che impedisca qualsiasi ragionamento sul futuro del sito, così com’è, e il confronto tra le parti economiche e sociali su come affrontare questa fase. Si chiude, e punto. Per questo sosteniamo le lavoratrici e i lavoratori di Atlantis, e tutte le iniziative e le forme di lotta che intraprendono e intraprenderanno per fermare lo smantellamento. Invitiamo le istituzioni, tutte le altre forze sociali e politiche a fare altrettanto: non si cancellano 180 posti di lavoro dall’oggi al domani”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.