Quantcast

Confronto Bersani – Renzi, stasera maxischermo in Camera del Lavoro foto

Alle ore 21.10, organizzato dal Comitato per Bersani. Reggi intanto attacca sulle regole per il voto del ballottaggio: "Vogliono mettere il filo spinato"

Il comitato Tutti per Bersani di Piacenza organizza un maxischermo alla Camera del Lavoro, al Salone Mandela, in Via XXIV Maggio 18 a Piacenza per trasmettere il confronto tra Bersani e Renzi in onda su Rai Uno questa sera alle 21,10. Al termine della visione è prevista una serie di comunicazioni per il rush finale della campagna in vista del ballottaggio del 2 dicembre.

’’Il confronto finale’’ delle primarie del centrosinistra tra Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi è a cura di Rai1 e Tg1 e realizzato presso il centro di produzione Dear. I due candidati risponderanno alle domande elaborate dalla redazione, a quelle ricevute sul sito www.tg1.rai.it. Anche gli elettori collegati in diretta dai due comitati, potranno rivolgere domande agli sfidanti del ballottaggio. Lo speciale, in diretta su Rai1, verra’ trasmesso in contemporanea anche su Radio1 e in web streaming su www.rai.tv.


Reggi attacca sulle regole: “Vogliono mettere il filo spinato”

“Al ballottaggio con la giustificazione? Ma neanche nelle barzellette”. La polemica sulle regole per votare al secondo turno delle primarie del centrosinistra di domenica rischia di sovrastare il confronto sui contenuti e sul programma dei due contendenti rimasti in corsa, Pierluigi Bersani e Matteo Renzi. L’ex sindaco di Piacenza Roberto Reggi, braccio destro del primo cittadino di Firenze, interpellato da L’Unità non si sottrae al tema a va all’attacco. Oggetto del contendere le condizioni per consentire di accedere al voto di domenica alle persone che non si sono registrate per tempo. LEGGI QUI

Al cronista che ricorda come le regole siano state votate da tutto il Pd all’unanimità, Reggi replica: “Abbiamo votato il mandato al segretario sulle regole, non le regole. Ci siamo fidati di lui, evidentemente abbiamo fatto male. Si vuole far partecipare la gente alle primarie o no? Questo impedimento non sta in piedi: “loro” vogliono mettere il filo spinato perchè sanno che se aprono, i nuovi che andranno a votare al ballottaggio saranno tutti per Renzi”. E po ribadisce: “Non esiste da nessuna parte che chi non ha votato al primo turno non possa votare al ballottaggio, ci faremo ridere dietro dal mondo se materremo questa regola. Le regole si possono cambiare, basta un po’ di buon senso… ma qui c’è chi vuole fare il furbo”.

La replica a Reggi è affidata al coordinatore regionale dei comitati Bersani, il segretario Pd di Ferrara Paolo Calvano. “Le regole sono molto chiare e stabilite all’unanimità, cambiarle in corsa significa mancare di rispetto a chi al primo turno ci si è attenuto. Chiunque volesse partecipare alle primarie, da circa un mese aveva a disposizione centinaia di uffici in Emilia Romagna, o poteva iscriversi comodamente via internet. Chiunque aveva tutti gli strumenti per registrarsi per tempo e se è stato gravemente impossibilitato le regole prevedono già deroghe”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.