Quantcast

Elsa Morante e il Novecento, incontro ai Filodrammatici

L'associazione cittàcomune organizza, per giovedì 15 novembre alle 21 ai Filodrammatici, una serata dedicata alla scrittrice Elsa Morante, nel centenario della nascita. 

Più informazioni su

L’associazione cittàcomune organizza, per giovedì 15 novembre alle 21 ai Filodrammatici, una serata dedicata alla scrittrice Elsa Morante, nel centenario della nascita. 

ELSA MORANTE E IL NOVECENTO
Ne parla e discute con i presenti
Alfonso Berardinelli
 
Elsa Morante nasce a Roma nel 1912 e trascorre la sua infanzia nel popolare quartiere di Testaccio. Sostanzialmente autodidatta, sin da ragazzina ama scrivere fiabe e poesiole, che illustra con propri disegni. Negli anni Trenta collabora a varie riviste con note di costume e nel 1941 sposa Alberto Moravia. Si impone all’attenzione generale con il romanzo “Menzogna e sortilegio”, del 1948, a cui segue nel 1957 “L’isola di Arturo”. Grandi critici cominciano ad occuparsi della sua opera, da Giacomo Debenedetti a Cesare Garboli a György Lukács, che la giudica «uno dei massimi talenti di scrittore che io conosca». Dopo la raccolta di versi “Alibi” (1958) e i racconti dello “Scialle andaluso” (1963), nel 1968 pubblica “Il mondo salvato dai ragazzini”, una sorta di manifesto politico costruito con modalità espressive insolite e diversificate. Nel 1974 esce “La Storia”: il romanzo ottiene un grande successo di pubblico e provoca un serrato dibattito estetico e politico, non solo tra addetti ai lavori. Nel 1982 pubblica “Aracoeli”, l’ultimo romanzo. La Morante trascorre i restanti anni della sua vita in una clinica romana, dove muore alla fine del 1985. Nel 1987 sono raccolti in volume “Pro o contro la bomba atomica”, da una conferenza con questo titolo del 1965) i suoi più importanti scritti saggistici.
 
Alfonso Berardinelli ha insegnato Letteratura contemporanea all’Università di Venezia fino alle dimissioni volontarie nel 1995. Ha pubblicato tra l’altro: “Il critico senza mestiere” (Il Saggiatore, 1983), “La poesia verso la prosa” (Bollati Boringhieri, 1994), “L’eroe che pensa” (Einaudi, 1997), “La forma del saggio” (Marsilio, 2002 e 2008) e, con H. M. Enzesberger, “Che noia la poesia” (Einaudi, 2006). Tra i suoi ultimi libri: “Casi critici. Dal postmoderno alla mutazione” (Quodlibet, 2007); “Poesia non poesia” (Einaudi, 2008). Nel 2011 è uscito da Quodlibet “Diario”. 1985-1993, riproduzione fotografica integrale dell’omonima rivista redatta a quattro mani da Berardinelli e Piergiorgio Bellocchio.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.