Quantcast

“Io non mangio da solo”. Al via la campagna Mlal per il diritto al cibo

PiacenzaSera.it collaborerà con l’associazione informandovi sulle iniziative e raccontando le difficoltà e le curiosità provenienti dai Paesi del Sud del Mondo coinvolti nella campagna

Più informazioni su

1 miliardo e 200 milioni di persone al mondo non mangiano a sufficienza, 200 milioni di bambini mangiano poco e male e, ogni anno, le vittime della malnutrizione sono 13 milioni di bambini sotto i 5 anni. Eppure il cibo non mancherebbe se si pensa che sul nostro pianeta ne viene prodotto per sfamare 12 miliardi di persone.

Basterebbe, quindi, per i 7 miliardi di abitanti della Terra. Ma a quanto pare, non tutti ne hanno diritto.

Inoltre, il cibo spesso non rimane a chi lo produce, viaggia e nel suo gran viaggiare aumenta di prezzo e di valore. Alcuni si arricchiscono mentre chi lo ha prodotto non ha abbastanza soldi per ricomprarselo. Anzi, piano piano, non riesce neanche più a coltivarlo perché anche le sementi sono diventate proprietà privata delle grandi multinazionali.

Per rispondere con azioni concrete a questi problemi e per creare maggiore informazione, Progetto Mondo Mlal, Organizzazione non governativa (Ong) di cooperazione internazionale, ha dato il via alla campagna “Io non mangio da solo” in numerose regioni italiane.  

IL PROGETTO – Da sempre impegnato nella difesa dei diritti umani, ProgettoMondo Mlal sostiene progetti di cooperazione in numerosi paesi del Sud del mondo e promuove l’incontro e lo scambio fra culture differenti attraverso attività d’informazione, educazione alla pace e allo sviluppo, organizzate in percorsi formativi, incontri, seminari e campagne di solidarietà.

“Io non mangio da solo” è una campagna di sensibilizzazione sul tema del diritto al cibo, della sovranità alimentare nei Paesi in via di Sviluppo e su una corretta e più equa alimentazione in tutto il mondo. Su questo tema, la ong veronese sta realizzando ben 6 programmi di cooperazione in altrettanti Paesi di America Latina e Africa. Scopo della campagna, oltre al sostegno economico per questi programmi, è sensibilizzare fortemente la cittadinanza e le scuole, rendere le persone consapevoli delle proprie scelte alimentari, informarle sulle politiche internazionali che le sottendono e fornire strumenti critici per comprendere le dinamiche legate alla sicurezza alimentare nel Nord e Sud del mondo.

Il programma, attivo da ottobre 2012 a gennaio 2013, è fitto d’incontri di approfondimento, laboratori didattici, mostre, video, letture animate e piccoli eventi pubblici che vedranno coinvolti i territori di diverse regioni italiane. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito internet www.progettomondomlal.org (dove è possibile anche trovare indicazioni per fare subito una donazione a favore del progetto).

LE INIZIATIVE PIACENTINE –
Anche Piacenza farà la sua parte. Grazie al contributo di un gruppo locale di volontari piacentini saranno organizzate cene solidali, mostre didattiche, incontri di approfondimento e molto altro ancora. Sarà trasmessa la testimonianza dei giovani piacentini che la scorsa estate hanno preso parte al viaggio kamlalaf in Bolivia, grazie al quale hanno avuto l’opportunità di conoscere uno dei progetti oggetto della campagna, “Vita Campesinas” a sostegno dell’economia rurale boliviana.  

PiacenzaSera.it aiuterà il gruppo nella pubblicizzazione delle iniziative in corso e soprattutto, permetterà a Progetto Mondo Mlal di raccontare le difficoltà e le curiosità provenienti dai Paesi del Sud del Mondo coinvolti nella campagna “Io non mangio da solo”. Una voce preziosa, che permetterà alle mamme del Burkina Faso, ai bambini del Perù, ai campesinos della Bolivia e a molti altri ancora, di poter raccontare la loro vita quotidiana, i successi raggiunti e le sfide ancora da intraprendere su questo tema così importante.  
Attraverso la rete nascerà così uno scambio tra culture, che contribuirà a sostenere Progetto Mondo Mlal nella costruzione di ponti di cooperazione e pace tra i popoli.

-ProgettoMondo Mlal Piacenza-

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.