IV Novembre, in Piazza Cavalli la Festa delle Forze Armate FOTOSERVIZIO foto

La pioggia non ha fermato le celebrazioni solenni in Piazza Cavalli per la giornata dell’Unità Nazionale e della festa delle Forze Armate. Dopo la messa officiata dal vescovo Ambrosio in San Francesco, la cerimonia si è spostata in Piazza Cavalli e sotto le arcate di Palazzo Gotico

Più informazioni su

La pioggia non ha fermato le celebrazioni solenni in Piazza Cavalli per la giornata dell’Unità Nazionale e della festa delle Forze Armate. Sotto le arcate di Palazzo Gotico, dopo la messa nella Basilica di San Francesco celebrata dal vescovo Gianni Ambrosio, le autorità cittadine e i rappresentanti di Polizia Municipale, Polizia Provinciale, Vigili del Fuoco, Associazioni Combattentistiche e d’Arma hanno reso omaggio alla città, alle associazioni combattenti e partigiane posando le corone commemorative davanti al monumento in memoria dei piacentini morti durante la prima guerra mondiale.

Per la cerimonia militare in piazza Cavalli è stato schierato un Reparto di formazione composto dai militari dell’Esercito, dell’Aeronautica, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e infermiere volontarie della C.R.I., insieme ad un Plotone misto delle Forze di Polizia ad ordinamento civile (Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria e Corpo Forestale dello Stato).

LE CELEBRAZIONI A OTTONE – Anche a Ottone è stata ricordata la festa dell’Unità Nazionale in occasione della Giornata delle Forze Armate. Il Sindaco Giovanni Piazza ha ricordato il 94 anniversario della Vittoria cogliendo l’occasione per ricordare i tanti militari caduti per la difesa della nostra patria. Erano presenti oltre al primo cittadino, il vice sindaco Tagani, il Comandante della stazione carabinieri di Ottone Maresciallo D’aguanno oltre a militari della locale stazione Carabinieri.


LE CELEBRAZIONI A CADEO
–  Il tipico clima uggioso novembrino anche quest’anno ha avvolto le celebrazioni del 4 novembre, Giornata dell’Unità nazionale e festa delle Forze Armate, che nel Comune di Cadeo si sono aperte alle ore 9 presso il Municipio.

Pace, giustizia e libertà sono le parole e i valori più ribaditi nella mattinata, a partire dal parroco don Umberto Ciullo che ha presenziato all’apertura delle celebrazioni commemorative, benedicendo le ben 9 corone d’alloro. Una cerimonia che ha visto la presenza di rappresentanti delle associazioni locali e di numerosi cittadini presenti a fianco degli amministratori locali: il sindaco Marco Bricconi e il vicesindaco Marica Toma, affiancati da tutti gli assessori: Amici Donatella, Cerioni Giovanni, Sfulcini Gabriele e da due consiglieri di maggioranza: Capra Gian Luca e Gatti Enrico. Presenza fissa e insostituibile, l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci della sezione di Cadeo e l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani della sezione di Cadeo, che a fianco dell’ Amministrazione Comunale hanno rinnovato anche quest’anno il loro impegno nell’organizzare questa celebrazione. Alla giornata dedicata alle Forze Armate era presente anche  il Comandante della Stazione dei carabinieri di Fiorenzuola d’Arda, il maresciallo Ercole Dallospedale.

Inoltre ha presenziato anche l’Associazione Nazionale famiglie caduti e dispersi di tutte le guerre sezione della provincia di Piacenza, nella persona di Rodolfo Bonvini, presidente provinciale. Quattro le tappe toccate durante la commemorazione: il monumento ai caduti di Fontana Fredda, la “Fossa” di Cortemaggiore, il monumento a Saliceto, il monumento alla “Stanga” di Cadeo ed infine quello a tutti i caduti a Cadeo.

“Impegnamoci per primi a costruire un mondo e un futuro nuovo per le giovani generazioni; impegnamoci ad essere i primi testimoni di gratuità, solidarietà e impegno nella comunità civile. I nostri ragazzi italiani forse non rischiano di imbracciare un fucile, ma tra crisi economica e valoriale la situazione non è rosea. Senza lasciarci abbattere, aiutiamoli ad affrontare il futuro” – ha ribadito il sindaco Bricconi, ricordando i giovani caduti durante le guerre mondiali-.

Giovani che hanno il diritto e il dovere di conoscere la storia e le proprie radici: “Lo scorso anno davanti a queste corone commemorative ribadivamo con forza quanto il 4 novembre non sia una ricorrenza tra le tante, una semplice tradizione, ma una giornata della memoria condivisa che doverosamente va tramandata alle giovani generazioni. E quest’anno con orgoglio posso affermare che un passo decisivo l’abbiamo compiuto: infatti, domani lunedì 5 novembre, rivivremo questa giornata con i ragazzi della terza media del nostro Istituto Comprensivo di Cadeo. Una collaborazione con il mondo della scuola che testimonia il desiderio comune che la storia, i valori e  le speranze dei giovani di 60 anni e più anni fa non debbano cadere nell’oblio” -ha puntualizzato il primo cittadino di Cadeo.

L’appuntamento è infatti per le ore 9 presso la biblioteca comunale dell’istituto comprensivo di Cadeo da dove amministratori, associazioni e ragazzi partiranno per raggiungere tre diversi monumenti commemorativi per omaggiare i caduti di tutte le guerre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.