Pc Tunes: El Infernal Quinlan, Love ballads, hate songs foto

Nuova puntata della rubrica musicale, dedicata ai gruppi e agli artisti piacentini. 

Nuova puntata, su PiacenzaSera.it, della rubrica musicale, dedicata ai gruppi e agli artisti piacentini, in collaborazione con Antonio TonyFace Bacciocchi. Se vuoi segnalarci il tuo demo o i tuoi video, invia il materiale a redazione@piacenzasera.it, parleremo anche di te!

INFERNAL QUINLAN – Love ballads, hate songs
 
“Love ballads, hate songs” , secondo album degli Infernal Quinlan ha già qualche mese sulle spalle (è stato pubblicato nella primavera di quest’anno) ma merita di essere di nuovo ripescato e riportato all’attenzione.
Innanzitutto perchè nell’imminenza della scadenza dell’anno in corso e dei conseguenti bilanci discografici si conferma, a mio parere, come uno dei migliori lavori italiani usciti nel 2012.
Secondariamente perchè con il tempo l’album è cresciuto, ha assunto colori e connotati sfuggiti ai primi ascolti, dove certi particolari, la cura per il suono, sfumature di voce e strumenti, talvolta rimangono in sottofondo.
 
Gli INFERNAL QUINLAN sono nati nel 2004, alle spalle tanta storia, tante storie e un solo album nel 2005 “Cast Iron Songs”.
Ad un nome così affascinante accostano, per il secondo lavoro, un titolo altrettanto intrigante che cita il miglior Leonard Cohen, artista a cui non sono aliene alcune loro influenze artistiche.
Influenze che poi si allargano a macchia di leopardo al primo Lou Reed, a Nick Cave, al noir blues dei Tindersticks, il desert sound dei Calexico, il gusto deep blues di Mark Lanegan, il folk rock dei Walkabouts, il chitarrismo acustico di Peter Buck dei REM, il drumming dei dimenticati Soul Coughing.
 
Le voci, maschile e femminile, si alternano e si intrecciano alla perfezione su ballate dall’incedere severo dal piglio prevalentemente semiacustico, spesso colorate dai suoni di pianoforte, banjo, tromba.
Gli Infernal Quinlan compongono il tutto, peraltro impeccabilmente registrato, e rendono “Love ballads, hate songs” pietra miliare del rock piacentino ( e non solo)
 
Per avere il disco cercateli su Facebook it-it.facebook.com/infernalquinlan 
Antonio TonyFace Bacciocchi
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.