Quantcast

Volley, in novanta minuti Copra Elior battuto 3-0 da Cuneo

Battuta d’arresto importante per il Copra Elior, battuto 3-0 da Cuneo. Il ritorno del cubano Simon non è bastato: troppi gli errori dei biancorossi, che hanno lasciato ai piemontesi campo libero in troppe occasioni. La partita a tratti tesa ha visto sempre avanti Cuneo, con il Copra a inseguire.

Più informazioni su

PIACENZA CROLLA A CUNEO
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO – COPRA ELIOR PIACENZA 3-0 (28-26; 25-20; 25-20)

BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Mastrangelo 5, Ngapeth 12, Wijsmans 9, Kouth 9, Grbic 3, Sokolov 16, De Pandis (L), Abdelaziz. N.E: Antonov, Marchisio (L), Galliani, Della Lunga, Rossi. Allenatore: Piazza, II all. Giaccardi.

COPRA ELIOR PIACENZA: Marra (L), Corvetta, Papi 1, Fei 11, Ogurcak 9, Simon 8, Zlatanov 8, Holt 2, Tencati, De Cecco 3. NE: Latelli (L), Maruotti, Vettori. Allenatore: Monti, II all: Delmati

BRE BANCA LANNUTTI CUNEO
Battuta
Ace 1
Errori 21

Ricezione
Positiva 64%
Perfetta 40%

Attacco 59%

Muri 9

COPRA ELIOR PIACENZA
Battuta
Ace 1
Errori 14

Ricezione
Positiva 58%
Perfetta 33%

Attacco 46%

Muri 5

Cuneo – La 6a giornata di andata si conclude con un netto 3-0 a favore della BreBanca Lannutti Cuneo. Brutta sconfitta quindi per i biancorossi e soprattutto esordio non dei più felici, solo a causa del risultato, per Simon e Ogurcak, in campo fin dal primo minuto.
Piacenza riesce a tenere le briglie a Cuneo solo nel primo parziale, giocato quasi punto a punto. Poi i biancorossi nel secondo e terzo set subiscono un calo notevole: il cambio palla non viene gestito bene, il muro ben presente nel primo set svanisce e anche i rimanente fondamentali non brillano di fronte a una Cuneo bacchettona che sovrasta i piacentini negli ultimi due set. Cuneo nonostante una battuta molto fallosa, compensa i suoi errori con un muro serrato, un’ottima ricezione e un attacco quasi impeccabile: Piacenza è costretta a arrancare alle spalle dei piemontesi e a guardare gli ultimi due set quasi da spettatore. A salvarsi solo Fei (11 punti) e Ogurcak (9 punti e 56% in attacco, percentuale più alta a fine partita).
L’avvio di match è molto equilibrato: i due sestetti combattono punto a punto per gran parte del parziale senza riuscire a conquistare un margine sicuro di vantaggio.

Sul 14-16 Piacenza effettua il sorpasso grazie a una diagonale out dei piemontesi. La Copra Elior cambia nuovamente marcia con il muro di Simon sul 14-17, mettendo in difficoltà i piemontesi. Il parziale però non è concluso e Cuneo con l’ace di Ngapeth e l’attacco vincente di Wijsmans torna a pari dei biancorossi sul 18-18.

Il nuovo interminabile testa a testa sul finale di set mette in trepidazione gli spettatori a causa di parecchi errori in battuta di Cuneo e alcune imprecisioni in ricezione di Piacenza. Il set trova fine solo sul 28-26 per un errore in attacco di Ogurcak.
Al rientro in campo Piacenza si trova subito in difficoltà e Cuneo, con Ngapeth (6-2), ne approfitta accumulando fin da principio punti importanti. I biancorossi si fanno forza e con Ogurcak e Fei (11-9) trovano la giusta grinta per non lasciare correre troppo Cuneo. L’errore di Kouth in battuta e l’attacco vincente di Zlatanov riaprono la partita portando i due sestetti pari sul 13-13. Questa volta il testa a testa ha breve durata perché il muro di Mastrangelo (14-13) è solo il preludio alla ripresa dell’avanzata di Cuneo. Il muro dei piemontesi è ben saldo e Piacenza fatica a tener testa agli avversari.
La Copra Elior si azzera dando ampio spazio a Cuneo che avanza inesorabilmente verso la fine del secondo parziale: nemmeno i vari cambi (dentro Papi al posto di Zlatanov) fanno cambiare il corso del set.

Le battute sbagliate di Nimir e Grbic non bastano per rimettere in carreggiata Piacenza: Ngapeth mette a terra il 25-20 e con 5 lunghezze di vantaggio Cuneo fa suo anche il secondo set.
E’ decisamente migliore l’avvio del terzo set per la Copra Elior Piacenza che fin dall’avvio, anche grazie a numerosi errori in battuta di Cuneo, parte in vantaggio, mantenendo una sicurezza di due lunghezze dagli avversari (4-6). Ngapth e Wjismans non hanno però intenzione di concedere altri punti e sul 13-11 effettuano l’allungo sui biancorossi. I piacentini tornano a soffrire sia in ricezione che a muro, al contrario di Cuneo ben chiusa in entrambi i fondamentali. Piacenza si fa forza solo sul 17-18 grazie all’ace di Holt e al pareggio sul 18-18 ma il muro di Wjismans e l’errore in attacco di Papi consegnano nuovamente il vantaggio a Cuneo che nel giro di pochi minuti lascia Piacenza a secco mentre Cuneo intasca 5 punti di fila posizionandosi sul 23-18. Cuneo ora è inarrestabile e Piacenza cade nuovamente nel baratro: Wijsmans e Grbic mettono a terra gli ultimi due punti e il parziale si conclude sul 25-20.
Il prossimo impegno per la Copra Elior Piacenza corrisponderà alla prima gara di Challenge Cup giovedì 15 alle 20:30 tra le mura amiche del PalaBanca; dall’altra parte della rete l’Istanbul BBSK.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.