Quantcast

Acqua Bene Comune: “Aprire il confronto alla città”

Giovedì  scorso alla Circoscrizione 4 si è tenuta l’assemblea pubblica dal titolo "Acqua Bene Comune, una gestione pubblica e partecipata a Piacenza è possibile", organizzata dal Comitato territoriale del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua.

Più informazioni su

Giovedì  scorso alla Circoscrizione 4 si è tenuta l’assemblea pubblica dal titolo “Acqua Bene Comune, una gestione pubblica e partecipata a Piacenza è possibile”, organizzata dal Comitato territoriale del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua. Ospite della serata Corrado Oddi, del Forum nazionale e della FP CGIL.
 
Alla serata erano presenti l’assessore all’ambiente e alla partecipazione Rabuffi e l’assessore allo sviluppo economico e alle partecipate Timpano; tra il pubblico anche diversi lavoratori di Iren.
 
Dopo una breve introduzione del Comitato piacentino, Oddi ha illustrato la situazione relativa all’applicazione dell’esito referendario, ancora oggi inosservato in gran parte d’Italia, entrando nel dettaglio dei casi di Piacenza e di Reggio-Emilia, dove vi sono condizioni particolarmente favorevoli all’applicazione del referendum ed alla ripubblicizzazione del servizio idrico, essendo scaduti gli affidamenti ad Iren.
 
Hanno preso parola l’assessore Rabuffi, che ha ribadito la necessità di applicare il risultato referendario e di studiare soluzioni per la ripubblicizzazione, e l’assessore Timpano, che ha garantito la disponibilità dei dati richiesti dal Comitato, confermando la volontà dell’amministrazione comunale di portare avanti un tavolo di discussione che coinvolga anche Comitato e parti sociali, per studiare le modalità di applicazione del referendum e la fattibilità di una ripubblicizzazione del servizio, analogamente a quanto sta accadendo a Reggio Emilia.
Ci sono stati anche alcuni interventi dal pubblico, riguardo alla riappropriazione dei beni comuni per un nuovo modello di economia, e sulla necessità che l’acqua venga considerata un bene pubblico sul quale non si possono fare profitti.
 
Come Comitato riteniamo che l’incontro sia stato positivo, e nonostante alcune differenze di vedute tra l’assessore Timpano e il Forum dei Movimenti per l’Acqua, riguardo all’interpretazione dell’esito referendario e all’efficacia o meno dell’attuale controllo pubblico sul servizio idrico, riteniamo che sia stato fatto un importante passo in avanti nella costruzione di un confronto sul tema e nel coinvolgimento di cittadini e lavoratori.
 
Speriamo che venga presto ufficializzato il tavolo di discussione, con la creazione di un percorso aperto e partecipato per individuare le migliori soluzioni per una gestione del servizio idrico pubblica e partecipata a Piacenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.