Quantcast

Chiusura a Riva del Garda per il circuito Half Marathon

Chiusura epica per il circuito Half Marathon Tour 2012: la pioggia battente, che ha accompagnato gli atleti lungo tutto il percorso, non ha fermato i 2737 runners che hanno completato la prova di Riva del Garda e messo in carniere punti preziosi per la vittoria finale

Più informazioni su

Chiusura epica per il circuito Half Marathon Tour 2012: la pioggia battente, che ha accompagnato gli atleti lungo tutto il percorso, non ha fermato i 2737 runners che hanno completato la prova di Riva del Garda e messo in carniere punti preziosi per la vittoria finale.

Se non ci fossero stati in palio i punti decisivi per alzare il trofeo, probabilmente i corridori casalesi e cremonesi che si giocavano la vittoria finale sarebbero rimasti a casa o al calduccio in qualche centro benessere della cittadina trentina, ma alla fine lo spirito agonistico ha prevalso e quindi tutti in strada a difendere i colori della propria società.

Il successo dell’Half Marathon Tour sta proprio in questo: essere riusciti a trasformare uno sport individuale come la corsa su strada, in una competizione collettiva dove quella che conta non è la singola prestazione ma la partecipazione corale di tutta la squadra.

Quest’anno si è partiti da Verona e Piacenza ai primi dell’anno e dopo l’estate ci si è sfidati sulle strade di Monza, Cremona e Garda: quattro regioni, 1251 società, decine di migliaia di atleti provenienti da tutta Italia e dall’estero per partecipare a questo progetto di promozione territoriale e dei valori sportivi nato nel 2009 dall’intuizione di un gruppo di amici appassionate di gare sulle lunghe distanze.

Nel 2012 la crisi ha colpito anche il mondo della corsa su strada e per questo il comitato organizzatore ha deciso non solo di mettere in palio prodotti enogastronomici rappresentativi dei territori ospiti , ma di assegnare anche riconoscimenti in denaro per un montepremi complessivo superiore a 5.000 euro: un impegno importante che Half Marathon Tour si è sentito in dovere di mettere a disposizione dei fedelissimi del circuito.

La classifica infatti non premia i tempi dei partecipanti (che hanno già ampio spazio nelle classifiche individuali), ma il numero di atleti presenti in rappresentanza della propria società e la fedeltà dei singoli alle gare del circuito.

E per le premiazioni non resta che aspettare i primi mesi del 2013: il 17 febbraio, in occasione della Mezza Maratona di Verona, i riflettori saranno puntati sui singoli atleti maggiormente presenti alle gare del circuito, mentre a Piacenza, il 2 marzo, sarà il momento delle società più numerose.

Il premio più grande però forse lo ha ricevuto il circuito Half Marathon Tour che, a fronte di un impegno sia economico che organizzativo, ha visto un incremento del 30% tra i tesserati delle società più numerose.

Appuntamento quindi a febbraio in quel di Verona dove Marathon Cremona e 3 C Cremona, giunte rispettivamente al 2° e 3° posto, cercheranno di prendersi la rivincita sul Gruppo Podistico Casalese che, con ben 442 punti, si è aggiudicato l’edizione 2012 del circuito.

Nella Foto, il gruppo degli organizzatori riunitisi a Cremona nei giorni scorsi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.