Quantcast

Gli Ogm fra mito e verità al “CaffExpò” della Cattolica foto

Ospite dell’appuntamento il prof. Dario Bressanini, docente di Scienze chimiche ed ambientali all’Università dell’Insubria, autore di “Pane e Bugie. La verità su ciò che mangiamo” e “OGM tra leggende e realtà”, nonché creatore e curatore del popolare blog “Scienza in Cucina”

Più informazioni su

“A tavola con gli Ogm. Mi stanno raccontando la verità?”: questo il tema che ha segnato lo scorso 5 dicembre il riavvio dei “CaffExpò”, l’aperitivo scientifico della Cattolica di Piacenza sulle tematiche di Expò 2015.

Ospite dell’appuntamento il prof. Dario Bressanini, docente di Scienze chimiche ed ambientali all’Università dell’Insubria, autore di “Pane e Bugie. La verità su ciò che mangiamo” e “OGM tra leggende e realtà”, nonché creatore e curatore del popolare blog “Scienza in Cucina”.

Dopo l’introduzione del prof. Daniele Rama del Dipartimento di Economia agro-alimentare, Giovanni Sogari, dottorando Agrisystem, ha intervistato e “provocato” Bressanini per fare chiarezza su un tema tanto discusso e di così largo interesse.  Davanti a un pubblico numeroso e interessato, oltre ottanta le persone che hanno affollato il bar dell’università, si è discusso dei miti diffusi sugli OGM (a partire dal pesce fragola…), del rapporto con i mass media, dell’importanza della ricerca pubblica in tema di biotecnologie, del ruolo del divulgatore scientifico nel favorire una corretta comprensione di pro e contro degli OGM.

D’altra parte questo argomento è controverso e molto dibattuto negli ultimi anni: da una parte la comunità scientifica ha in gran parte accettato la validità e la sicurezza dell’utilizzo di queste biotecnologie nel settore alimentare, dall’altra l’opinione pubblica mostra ancora un certo sospetto e timore.

“Di solito si tende a considerare gli OGM come un’unica categoria di prodotti e spesso ci si schiera a favore o contro per partito preso senza avere una completa comprensione dell’argomento” ha rimarcato Bressanini. “Bisognerebbe, invece, imparare ad affrontare questo tema analizzando caso per caso, senza generalizzare, in modo da evidenziare i benefici e gli svantaggi che ogni OGM può comportare.

Con questa iniziativa al CaffExpò si è cercato anche di favorire il dialogo tra cittadini ed esperti. L’evento si è concluso infatti con le domande del pubblico, arrivate puntuali e precise: dai rischi per la salute umana, all’utilizzo delle biotecnologie per scopi farmaceutici fino alle possibili future applicazioni delle piante OGM.

Per chi fosse interessato a vedere questo e gli altri caffexpò l’invito è di visitare il sito www.caffexpo.com/it/events/show/&tid=13

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.