M5S Piacenza: “Istituiamo le consulte: ultima opportunità per la partecipazione”

Istituiamo le consulte: ultima opportunità per la partecipazione - comunicato stampa del M5S di Piacenza

Più informazioni su

Istituiamo le consulte: ultima opportunità per la partecipazione – comunicato stampa del M5S di Piacenza
 
Sono tanti gli strumenti di partecipazione che vengono messi a disposizione delle amministrazioni per ottemperare alle promesse effettuate in campagna elettorale. Tutti i partiti infatti nel momento in cui si devono cercare consensi, si dichiarano a favore della partecipazione dei cittadini alle scelte che la futura amministrazione, che entrerà nelle stanze del potere, si appresta ad effettuare.
 
Di fatto tutte le possibilità che questo accada sono state negli anni abolite o svuotate completamente dei loro poteri, anche solo propositivi, per restare unicamente degli specchietti da mostrare come vetrina di una supposta partecipazione mai attuata.
 
Piacenza non fa differenza alcuna in tema partecipazione, di fatto nulla o molto poco è stato fatto in tema. Inoltre da poco sono state abolite anche le circoscrizioni che in qualche modo si occupavano di ascoltare e trasmettere le istanze dei cittadini agli organi decisionali del comune. Da ultimo è stata bocciata la nostra proposta di istituire una commissione di garanzia e controllo che avrebbe permesso anche ai cittadini e alle associazioni di poter attuare un controllo e una partecipazione attiva all’attività dell’ente.
Le consulte di fatto, oggi sono rimaste l’unico strumento a disposizione dei cittadini con funzione di partecipazione nei processi decisionali dell’amministrazione comunale.
Da regolamento, esse devono essere istituite entro 120 giorni dal giuramento del sindaco e  detto termine è già scaduto l’11 ottobre.
 
La consulta è un organo di confronto che i cittadini hanno a disposizione e che permette alla collettività di contribuire alle decisioni e di prendere coscienza dei problemi dell’ente, così come permette all’ente di meglio far capire quelle che sono le problematiche nell’applicazione di alcune scelte o di come sia possibile attuarle in modo più semplice proprio con la collaborazione della collettività.
 
Uno scambio sempre positivo e costruttivo di cui nessuno deve avere paura, soprattutto le amministrazioni. I cittadini non sono un ostacolo alle scelte che il comune deve prendere, ma sono parte attiva e il loro coinvolgimento non può che essere decisivo per un miglior risultato.
La mozione che abbiamo presentato chiede alla giunta di istituire le 8 consulte previste dal regolamento nel più breve tempo possibile oltre a mettere in atto tutte quelle misure organizzative e di comunicazione necessarie affinché la prima riunione delle consulte non sia un puro atto formale, ma un momento di reale e fattiva partecipazione. Speriamo inoltre che il parere delle consulte, anche se  non vincolante, possa rappresentare un criterio di valutazione di prim’ordine nelle fasi decisive che giunta e consiglio comunale dovranno affrontare.
 
Da ultimo ma non meno importante chiediamo di prestare particolare attenzione al fatto che i rappresentanti delle associazioni nelle consulte non abbiano appartenenze dichiarate a partiti o che abbiano fatto parte con incarichi di rappresentanza nei partiti politici, o che abbiano avuto incarichi politici nelle istituzioni.
Ci sembra importante che i rappresentanti delle associazioni siano il più possibile indipendenti dalla politica che di solito tende a fagocitare tutti i ruoli nelle istituzioni, questo garantirebbe una maggiore indipendenza e trasparenza nelle azioni delle consulte.
Speriamo che questa ultima opportunità a disposizione dei cittadini venga colta dall’attuale amministrazione visto che una delega specifica alla partecipazione è stata data all’assessore Rabuffi a cui chiediamo di attivarsi con celerità.
 
I consiglieri comunali del M5S

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.