Quantcast

Mini servizio civile, consegnati gli attestati agli studenti di Colombini e Respighi foto

A ricevere l’attestato sono stati: Sara Campagnoli, Ylenia Fantini, Michele Filios, Francesca Tavazzi, Gessica Tuzzolino per il liceo Colombini (classe VB) e Letizia Bonvini e Chiara Marzaroli per il liceo Respighi (classe IV D)

Un progetto per favorire le opportunità di attivazione e partecipazione degli studenti all’interno della società e del territorio. E’ questo il cuore di “Attivamente”, l’iniziativa promossa dalla Provincia di Piacenza con il Coordinamento provinciale enti di servizio civile (Copresc) su iniziativa della Regione Emilia Romagna. A consegnare nell’aula consiliare della Provincia gli attestati di mini servizio civile – svolto nell’anno scolastico 2011-2012 – ai sette studenti del liceo Colombini e del liceo Respighi coinvolti nel progetto è stato questa mattina il presidente dell’ente di corso Garibaldi Massimo Trespidi.

“L’obiettivo del progetto, – ha detto – che la Provincia ha fortemente sostenuto, è quello di avvicinare i giovani alle esperienze di volontariato e alle realtà dell’associazionismo piacentino. La scuola rappresenta in questo contesto lo scenario privilegiato per promuovere iniziative finalizzate al contatto diretto con la società e con il territorio: i ragazzi hanno potuto costituire un primo approccio ai temi della solidarietà e del volontariato aprendo un canale di comunicazione importante tra i due mondi: occorre che questo contatto non venga interrotto”. “Ci auguriamo – ha detto Valentina Bruzzi di Copresc – che l’esperienza possa essere ripetuta in futuro. Grazie a tutti i ragazzi che hanno aderito e allo Svep per la preziosa collaborazione”.  I giovani hanno prestato le 30 ore di mini-servizio civile nelle associazioni Assofa, Pecora Nera, Auser e Luna Stellata.

A ricevere l’attestato sono stati: Sara Campagnoli, Ylenia Fantini, Michele Filios, Francesca Tavazzi, Gessica Tuzzolino per il liceo Colombini (classe VB) e Letizia Bonvini e Chiara Marzaroli per il liceo Respighi (classe IV D). “L’esperienza vissuta – hanno detto Tavazzi e Bonvini – ci ha aiutato a scoprire realtà prima sconosciute e a comprendere l’importanza di aiutare gli altri”. Ad accompagnare i ragazzi premiati le classi di appartenenza delle due scuole con le insegnanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.