Quantcast

Consiglio comunale, Maccagni nella commissione qualità architettonica  foto

E’ iniziata alle 17 la seduta del Consiglio comunale di Piacenza, la prima dalla ripresa dopo la pausa natalizia. All’ordine del giorno, tra le altre cose, diverse designazioni di membri di commissioni. Non sono mancate le critiche alla Giunta da parte di consiglieri di maggioranza

Più informazioni su

E’ iniziata alle 17 la seduta del Consiglio comunale di Piacenza, la prima dalla ripresa dopo la pausa natalizia. All’ordine del giorno, tra le altre cose, diverse designazioni di membri di commissioni. Non sono mancate le critiche alla Giunta da parte di consiglieri di maggioranza.

Le comunicazioni si sono aperte con l’intervento di Marco Pascai (Pd), con le critiche per non aver risolto in sei mesi la situazione per la pista ciclabile di Corso Vittorio Emanuele. “Serve più coraggio per gestire il traffico, eventualmente anche chiudendo completamente il tratto, in accordo con i commercianti”. Critiche, anche da parte di Roberto Colla dei Moderati, che ha denunciato l’inattività della Giunta. “Dall’11 giugno del 2012 non abbiamo brillato per lavoro. I consiglieri hanno raccolto per tre volte le firme per convocare la seduta, presentando numerose interpellanze e interrogazioni tanto che su venti consigli fatti, undici sono stati fatti con mozioni e interrogazioni, se a questi aggiungiamo i consigli convocati per il voto su atti obbligatori, quanti Consigli ci sono stati dedicati a delibere di Giunta? Zero. Non saper rispondere alla gente su cosa si stia facendo non è bello: il tempo del rodaggio è finito”.

A difendere la maggioranza è stato Daniel Negri (Pd). “Viviamo una fase d’incertezza per quanto riguarda il bilancio, per nuove norme e situazioni non dipendenti da noi. Ci sono molti nodi che stanno venendo al pettine, come la fine dell’iter del Psc che si fa in silenzio e non sui giornali: il lavoro è comunque intenso”.

Il caso dell’assessore Beltrani, uscita dall’Idv e riconfermata dal sindaco Paolo Dosi è tornato nel dibattito. “Prendiamo atto di essere stati espulsi dalla maggioranza – ha commentato Samuele Raggi dell’Italia dei Valori – anche se continueremo a portare avanti quanto abbiamo sostenuto in campagna elettorale: il mio ruolo da consigliere sarà ancora più importante. Io non cambio casacca: quando si rappresenta uno svariato numero di piacentini e quando si ricopre un ruolo dove si è stati nominati sarebbe servito dimettersi. Il trasformismo politico mi lascia una certa amarezza”.

“Ho apprezzato il gesto del sindaco – ha affermato invece Barbara Tarquini del Movimento Cinquestelle – che ha riconfermato un assessore, scelto per le competenze, non tanto perchè deve essere rispettata una quota”. “Come gruppo del Pd – ha affermato Christian Fiazza – ritengo che il sindaco Dosi abbia compiuto una scelta di merito: ci sorprende sentire parlare di coerenza da parte di chi ha avuto un assessore per tanto tempo senza avere consiglieri. Saremo compatti nelle votazioni, mentre non abbiamo visto compattezza da parte dell’Idv. Nessuno ha espulso l’Italia dei Valori”.

Dibattito poi anche sul tema del presunto buco di cinque milioni di euro per l’Imu. “Il tema è stato generato da una analisi parziale sui dati – ha affermato il sindaco Paolo Dosi – anche se è una tendenza che genera qualche preoccupazione ma che dovrebbe rientrare a consuntivo. Avremo qualche minore entrata, ma non abbiamo motivo per generare allarme. Ricordo che così com’è stata concepita, l’Imu a Piacenza è tra le meno gravose per il panorama nazionale”.

Tra le altre comunicazioni la consigliera Giulia Piroli (Pd) ha risposto a Marco Colosimo (Piacenza Viva) che chiedeva maggior attenzione al cresente problema dei disturbi alimentari tra i giovani di Piacenza, ricordando quanto fatto.

Il consiglio comunale ha designato i sette membri della Commissione Qualità architettonica e per il paesaggio. Spicca la presenza di Claudio Maccagni, già dirigente del Comune, vicino a Rifondazione comunista, ma nei fatti votato dalla minoranza. Ecco i sette nomi: Paolo Milani (indicato da PcViva), Raffaello Zanardi (indicato dal Pdl), Maccagni (area sinistra, ma votato dalla minoranza), Marcello Spigaroli, Elena Fattorini, Dario Baia e Gianbattista Castelli (indicati dalla maggioranza).

Consiglio comunale, arrivano i “Fratelli d’Italia”. Opizzi capogruppo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.