Dal Rotary Piacenza un progetto a sostegno dei malati di Alzheimer

Si tratta di una forte novità per la nostra città, dove già opera l’associazione Alzheimer, presieduta da Andrea Gelati, interessando però solo le famiglie, disponendo di scarsi mezzi finanziari per poter svolgere attività rivolte ai pazienti dei quali si occupa comunque l’AUSL di Piacenza sotto il profilo sanitario

Più informazioni su

Importante iniziativa avviata dal Rotary Club Piacenza a sostegno delle persone affette da disturbi cognitivi, ovvero dal morbo di Alzheimer, malattia in sempre maggiore espansione, che comporta ripercussioni sociali molto significative.

Si tratta di una forte novità per la nostra città, dove già opera l’associazione Alzheimer, presieduta da Andrea Gelati, interessando però solo le famiglie, disponendo di scarsi mezzi finanziari per poter svolgere attività rivolte ai pazienti dei quali si occupa comunque l’AUSL di Piacenza sotto il profilo sanitario. La novità dell’iniziativa rotariana sta proprio nel realizzare un vero e proprio progetto che consiste nell’intervento di stimolazione cognitiva dei pazienti fin dal manifestarsi dei primi segni della malattia, consentendo di rallentarne l’evoluzione. In parallelo, ai familiari saranno messi a disposizione strumenti che permettano di prepararsi a gestire con una certa serenità la situazione causata dalla convivenza con la malattia.

I corsi relativi al progetto, con inizio nel corrente mese di gennaio, si articolano in sessioni semestrali per gruppi di cinque pazienti e corrispondenti familiari e facendo riferimento all’Associazione Alzheimer, sono realizzati a cura del Responsabile del Consultorio Aziendale disturbi cognitivi presso l’Unità Operativa Geriatria dell’Ospedale di Piacenza, Dott. Lucio Luchetti.

Opereranno con il Responsabile, inoltre, la D.ssa Giordana Dordoni, psicologa AUSL di PC del Consultorio Az. Disturbi Cognitivi; la D.ssa Concetta Rutigliano, psicologa consulente dell’Associazione Alzheimer; la D.ssa Laura Ballocchi, psicologa Volontaria presso l’AUSL di Piacenza. I costi del progetto per il 2013 saranno sostenuti dal Rotary Club Piacenza, con l’auspicio che l’iniziativa, innovativa per Piacenza, possa trovare altri sostenitori, anche per l’importanza che il problema il morbo di Alzheimer e la demenza in generale rappresenta per la società di oggi caratterizzata dall’aumento dell’aspettativa di vita.

Questo progetto, che sarà illustrato nel dettaglio lunedì 14 gennaio presso il Grande Albergo Roma , alle ore 20,  in occasione della programmata riunione rotariana, si inserisce nel più vasto programma del Rotary International, che fra le aree di intervento prioritarie ha posto quello della Salute.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.