Piacenza e Verdi, si svela il calendario per il bicentenario

Presentato stamattina in Comune il calendario degli eventi per il bicentenario della nascita del mastro, ma la seconda parte del 2013 deve essere ancora "disegnata"

“Piacenza a pieno titolo può vantare il legame che ha con il maestro Verdi. Da sempre la nostra città celebrato i passaggi del maestro sul suo territorio e soprattutto le suo opere tramite le iniziative del comune e della Fondazione teatri e delle diverse associazioni”, con queste parole l’assessore alla cultura Tiziana Albasi, ha aperto la presentazione del calendario delle manifestazioni per il bicentenario verdiano.

“Oggi presentiamo un elenco, non definitivo, degli eventi, che la nostra città metterà in atto insieme alla Fondazione teatri. Il calendario ufficiale – ha poi proseguito l’assessore –verrà stilato solo dopo la riunione del comitato nazionale e comprenderà tutte le iniziative del 2013”.

Fra gli altri eventi, le due conferenze sul maestro, una sui suoi passaggi nel piacentino e l’altra sulla sua figura di agricoltore. Poi due bandi: uno per le scuole di secondo grado e l’altro per laureandi con tesi magistrali e specialistiche sui libretti d’opera della trilogia verdiana. Tutto il lavoro, è stato sottolineato, si è svolto in una ottica di rete, con l’obiettivo di portare il messaggio musicale ai giovani o a chi non si è mai avvicinato al teatro.

Cristina Ferrari, direttore artistico della Fondazione teatri ha presentato l’appuntamento del 27 gennaio con il concerto “Verdi nostro contemporaneo” alla sala dei Teatini: “Una rivisitazione e messa a confronto di alcune opera del maestro, eseguite come scritte da Verdi e rivisitate da grandissimi musicisti italiani”. Presente anche il compositore Marco Lombardi dell’Ensemble Nuove Musiche: “Proporremo una rivisitazione originale e contemporanea delle opere del maestro”. Dal direttore del conservatorio Nicolini, Fabrizio Dorsi è stata invece sottolineata la “volontà di creare un calendario fitto e senza sovrapposizioni”.

In allegato il programma (non ancora definitivo)

Il programma del bicentenario Verdiano

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.