Quantcast

A Piacenza biblioteche in crescita. Prestiti aumentati del 10 per cento

Servizio bibliotecario piacentino sempre in crescita negli ultimi 5 anni, con una leggera diminuzione nel 2011 dovuta alla chiusura straordinaria della biblioteca per il passaggio al nuovo software gestionale. A dirlo sono i dati che riguardano l’anno che si è appena concluso

Più informazioni su

Servizio bibliotecario piacentino sempre in crescita negli ultimi 5 anni, con una leggera diminuzione nel 2011 dovuta alla chiusura straordinaria della biblioteca per il passaggio al nuovo software gestionale. A dirlo sono i dati che riguardano l’anno che si è appena concluso. I prestiti fisici complessivi, confrontati con l’anno 2011, sono aumentati del 10,08%. L’aumento maggiore si è verificato per la biblioteca Farnesiana, + 26,15%; degno di nota anche il risultato della biblioteca centrale, + 11,09%,

La biblioteca ragazzi Giana Anguissola, la struttura con il maggiore impatto sulla città considerando l’utenza potenziale, prosegue il suo trend positivo (+ 4,89%). Molto alto anche in questo caso l’indice di prestito, superiore anche allo standard regionale. La biblioteca Dante ha invece un pubblico molto fidelizzato; il trend di prestito è sempre positivo e la frequenza molto alta.

L’offerta di film e musica in dvd/cd è un altro dei fattori trainanti del sistema bibliotecario: il prestito degli audiovisivi in Passerini Landi (biblioteca centrale) costituisce ben il 43,65% del prestito della biblioteca centrale e il 27% sul prestito totale generale.

Gli utenti del servizio Biblioteche (indagine proiettiva su tre settimane-campione) risultano complessivamente stabili. I numeri dei prestiti e delle presenze, emerge dalla ricerca – sono consistenti ma non fortuiti e nemmeno inaspettati, “perché dovuti ad un progetto culturale complessivo che ha privilegiato il ruolo della Biblioteca come servizio di pubblica lettura, la relazione con l’utente, la collaborazione fra Enti su obiettivi comuni (Polo Bibliotecario Piacentino), l’uso delle nuove tecnologie e l’erogazione di nuovi servizi. In particolare si è proceduto potenziare i servizi on-line mediante il passaggio a SOL, il nuovo software gestionale delle biblioteche del Polo Piacentino”.

Fra le novità proposte alla cittadinanza figura “Medialibraryonline, ovvero, la biblioteca digitale a casa del cittadino (MLOL), il primo network italiano di biblioteche pubbliche per la gestione di contenuti digitali, LeggerePiace, la nuova interfaccia web del software gestionale della biblioteca e OPAC, il catalogo provinciale che segnalano i titoli in acquisizione presso le biblioteche, anche se non ancora presenti sugli scaffali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.