Quantcast

A Piacenza è parità. Berlusconi vince a Bettola. Grillo sopra il 22 per cento I DATI foto

ELEZIONI 2013 Chiuso lo spoglio. La coalizione guidata da Pierluigi Bersani si è imposta al Senato per 267 voti, mentre ha perso alla Camera per 1542 voti

Più informazioni su

I DATI DEFINITIVI Elezioni 2013, Piacenza rispecchia il caos generale registrato a livello nazionale. Nella provincia di Piacenza è stato testa a testa fino all’ultima scheda tra centrodestra e centrosinistra. La coalizione guidata da Pierluigi Bersani si è imposta al Senato per 267 voti, 32,6 % contro il 32,43 %, mentre ha perso alla Camera per 1542 voti, 31,94% contro il 31%. Il Movimento Cinquestelle si conferma il terzo partito a livello provinciale dopo Pdl e Pd, con il 22,71% alla Camera. Delusione per Monti che supera appena l’8% cannibalizzando Udc e Futuro e Libertà, bloccate abbondantemente sotto l’1%: la coalizione del professore arriva al 9,12%. Al quarto posto Fare per Fermare il declino, che con l’1,76% batte Rivoluzione civile di Ingroia arrivata all’1,68%.

A Piacenza città centrosinistra avanti e Pd primo partito.
Nel comune di Piacenza alla Camera centrosinistra avanti con il 34,1%, seguita dal centrodestra con il 25,09%, Movimento Cinquestelle con il 20,97%, Scelta civica con Monti con il 9,4%. Al Senato si riduce il divario tra le prime due coalizioni: centrosinistra avanti con il 35,73%, seguita dal centrodestra con il 29,42%, Movimento Cinquestelle con il 19,66%, Scelta civica con Monti con il 10,26%.

GLI ELETTI PIACENTINI – Sono gli esponenti Pd Pierluigi Bersani (Camera), Maurizio Migliavacca (Senato) e Paola De Micheli (Camera) che tornano in Parlamento. Ancora in bilico la rielezione di Tommaso Foti (Fratelli d’Italia) alla Camera.

I risultati a Piacenza alla Camera (scarica il pdf) e al Senato (scarica il pdf)

GUARDA I DATI DELL’AFFLUENZA

LA CRONACA DELLA GIORNATA

AGGIORNAMENTO ore 19,45 DATI NAZIONALI
– Si profila una sostanziale ingovernabilità per il Senato. Quando sono state scrutinate 44.998 sezioni su 60.431, il centrodestra sarebbe in vantaggio con 123 senatori, seguito dal centrosinistra con 104 senatori, Movimento Cinquestelle con 57 senatori e Monti con 14 senatori. Mancano ancora i senatori eletti all’estero, ma la sconfitta del centrosinistra in regioni chiave quali il Piemonte hanno segnato pesantemente il risultato finale.


Lo spoglio dei voti per la Camera
, giunto a circa un terzo del suo svolgimento, assegna finora la vittoria e dunque il premio di maggioranza alla coalizione di centrosinistra guidata da Pier Luigi Bersani che al momento e’ attestata al 32,0%. Alle sue spalle, e’ praticamente un testa a testa fra la coalizione di centrodestra guidata da Silvio Berlusconi con il 26,6% e il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo con il 25,6%. Molto piu’ staccata ma comunque sopra la soglia di sbarramento, la coalizione centrista capeggiata da Mario Monti al 10,4%. Resterebbe escluso invece dall’aula di Montecitorio Antonio Ingroia che con Rivoluzione civile deve finora accontentarsi del 2,3%.

Per quanto riguarda i risultati dei singoli partiti, quando sono state scrutinate 19.840 sezioni sulle 61.446 totali il Pd e’ al 27,6% e Sel al 3,1 nel centrosinistra; Pdl al 19,8, Lega Nord al 3,8 e Fratelli d’Italia all’1,8 nel centrodestra con La Destra di Storace al momento fuori con lo 0,6%. L’M5S di Grillo e’ al 25,7 mentre nella coalizione centrista la Scelta civica di Monti e’ all’8,5 e l’Udc di Casini all’1,5 con il Fli di Fini allo 0,4 e dunque fuori dalla Camera.

BERLUSCONI VINCE A CASA DI BERSANI – A Bettola, paese natale di Bersani, ad imporsi è la coalizione di centrodestra con il 41,49% al Senato e alla Camera. Il Pd ottiene il 32,66% al Senato e il 31,65% alla Camera. Per il Movimento 5 Stelle il 17,85% al Senato e  il 18,49% alla Camera.

I RISULTATI COMUNE PER COMUNE in provincia di Piacenza 
CAMERA

SENATO


AFFLUENZA DEFINITIVA A PIACENZA provincia
tocca il 78,69 per cento, contro l’84,53 di cinque anni fa. In città la partecipazione arriva alla Camera al 78,77 per cento contro 84,20 del 2008, un calo del 5,43 per cento. 

Ecco l’affluenza in alcuni comuni piacentini:

Agazzano       77.24 prec  85.09
Alseno             81.32  prec  87.12
Besenzone         81.14  prec   85.56
Bettola         72.99  prec    79.31
Bobbio 76.98 prec 83.08
Cadeo   80.00  prec   84.98
Calendasco  81.49  prec  85.91
Caminata   72.99 prec 84.50
Caorso   81.00 prec 84.80
Carpaneto     81.55   prec   86.39
Castel san Giovanni    78.50   prec   85,16
Castelvetro    80.12   prec   87.72
Castell’Arquato   79.90 prec 85.55
Cerignale  59.58 prec 66.26
Corte Brugnatella   67.71 prec 80.65
Cortemaggiore  78.32 prec 83.74
Farini   62.43 prec 72.36
Ferriere  54.05 prec 77.90
Gazzola   81.17 prec 85.53
Gossolengo         84.91 prec 87.93
Gragnano   76.61   prec   84.76
Gropparello    74.23   prec    80.18
Lugagnano val d’Arda     77.59   prec    84.51
Monticelli d’Ongina  79,52 prec 87,41
Morfasso  61,56  prec 76,43
Nibbiano   76,00  prec   83,42
Ottone    57.32 prec 70.05
Pecorara 63,69   prec  78,12
Piacenza  78,46  prec  84,09
Pianello  78,39  prec  83,63
Piozzano 79,01 prec 87,68
Podenzano 80,64  prec  85,52
Ponte dell’Olio 79,14 prec  84,80
Pontenure 83,67  prec   87.84
Rivergaro   80,83 prec  85,41
Rottofreno  79,10 prec  84,58
San Giorgio  80,21  prec  86,37
San Pietro in Cerro  75,96   prec  82,92
Sarmato    77,79  prec  83,69
Travo  79,64  prec   83,25
Vernasca  72.71  prec    83.63
Vigolzone 78.96  prec  83.63
Villanova   81.89   prec   87.54
Zerba   41.55 prec 71.13
Ziano   74.05  prec   80.19

AGGIORNAMENTO – Secondo le rilevazioni SkyTG24-Tecnè la coalizione guidata da Pier Luigi Bersani avrebbe il 34,5% a Montecitorio, il 37% a Palazzo Madama. Il centrodestra si attesterebbe, rispettivamente, al 29% e al 31%. In Lombardia si profilerebbe un testa a testa.

Ore 15 primo Instant poll nazionale alla Camera secondo Sky – Centrosinistra al 34,5, Centrodestra 29, Movimento 5 Stelle 19 per cento, Liste Monti 9,5, Rivoluzione Civile 3,5. 

DATI instant poll di Piepoli – Il centrosinistra guidato da Bersani al 38%, la coalizione di centrodestra al 30% e il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo al 19%. È questa l’Italia che esce dalle urne secondo gli istant poll dell’Istituto Piepoli realizzati per la Rai. Da queste rilevazioni – oltre al distacco dell’8% tra i due principali Poli, che consentirebbe all’alleanza Pd-Sel-Centro democratico di avere una maggioranza anche al Senato

Seggi aperti a Piacenza e provincia fino alle 15 e poi comincia lo spoglio a partire dal Senato. Ma prima dei risultati ufficiali saranno gli instant poll e le varie proiezioni a fornire i numeri per i primi commenti. PiacenzaSera.it segue in DIRETTA WEB e VIDEO a partire dalle 15 lo spoglio a Piacenza e provincia. Collegamenti e commenti dal Consiglio comunale di Piacenza dove è stata allestita la sala stampa per politici e giornalisti.

Il “Porcellum”, la legge elettorale con la quale abbiamo votato, prevede due sistemi distinti tra Camera e Senato con liste bloccate, sulla base delle quali è possibile individuare i parlamentari piacentini sicuri di elezione e chi deve sperare in un exploit della propria lista per arrivare a Roma. 

DOVE SEGUIRANNO I RISULTATI I BIG – Pierluigi Bersani, dopo aver trascorso il week end a casa a Piacenza, si è imbarcato all’aeroporto di Milano per raggiungere Roma intorno alle 13. Stessa destinazione per Paola De Micheli, parlamentare uscente del Pd e ricandidata. I militanti del Pd attenderanno i risultati del voto nella sede di viale Martiri della Resistenza. Nel loro quartier generale anche i sostenitori del Carroccio, che si sono dati appuntamento in via Trieste. Per Tommaso Foti e supporter di Fratelli d’Italia la base è alla Circoscrizione 2, mentre per il Pdl nella sede di Piazzale Torino.

TRE PD SICURI – Pierluigi Bersani, Maurizio Migliavacca e Paola De Micheli sono certi di ritornare in Parlamento. Tutti infatti sono collocati in posizioni di elezione certa nelle circoscrizioni in cui sono stati candidati. Se per il leader Bersani è scontato il ritorno alla Camera, per Maurizio Migliavacca (in seconda posizione al Senato in Emilia Romagna) si apriranno per la prima volta le porte di Palazzo Madama. Anche Paola De Micheli (decima nella lista della Camera in Emilia) tornerà al suo seggio a Montecitorio. Più complicata la posizione di Marco Bergonzi, in trentesima posizione alla Camera: per l’elezione sarebbe necessario un risultato del Pd al di sopra delle aspettative.

FOTI SPERA – Tra gli altri candidati piacentini, quello con maggiori possibilità di tornare in Parlamento dovrebbe essere Tommaso Foti, approdato dal Pdl alla neoformazione di Fratelli d’Italia. La sua conferma a Montecitorio si verifica se il suo partito raggiunge almeno il 2 % a livello nazionale e in Emilia Romagna la dote di voti sarà sufficiente a superare gli altri capilista schierati in altre Regioni. Nel caso non venga oltrepassato il 2, Fratelli d’Italia deve comunque piazzarsi come migliore lista dello schieramento berlusconiano sotto quella soglia. Pure in questo caso Foti può sperare nell’elezione, anche se le chances diminuiscono. 

POCHE CHANCHES PER GLI ALTRI – Poche le speranze per altri candidati piacentini in corsa per il Parlamento. Fabio Callori del Pdl, settimo al Senato, confida in un grande risultato di lista. Situazione simile per Pietro Pisani, in lizza per la Lega Nord alla Camera: il suo terzo posto in graduatoria non offre grandi certezze. Anche in questo caso Il Carroccio dovrebbe fare un exploit.

COME ANDO’ IL VOTO NELLE ULTIME ELEZIONI POLITICHE – Per ripassare i risultati delle ultime elezioni politiche a Piacenza e nei comuni ci si può collegare ai seguenti link del sito web della Prefettura di Piacenza. ECCO I LINK



RISULTATI CAMERA 2008



RISULTATI SENATO 2008

I dati definitivi alla Camera

I dati definitivi al Senato

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.