Quantcast

Anche Fiorenzuola aderisce al progetto “Siamo nati per camminare”

Anche il Comune di Fiorenzuola, insieme a quelli di Pontenure, Cadeo e Alseno, ha aderito all’iniziativa “Siamo nati per camminare", promossa dalla regione Emilia-Romagna: l’obiettivo è quello di sollecitare bambine, bambini e adulti a usare di più i piedi, per la salute e per l'ambiente. 

Più informazioni su

Anche il Comune di Fiorenzuola, insieme a quelli di Pontenure, Cadeo e Alseno, ha aderito all’iniziativa “Siamo nati per camminare”, promossa dalla regione Emilia-Romagna: l’obiettivo è quello di sollecitare bambine, bambini e adulti a usare di più i piedi, per la salute e per l’ambiente. 
 
Quest’anno la campagna regionale “Siamo nati per camminare” ricorre all’immagine suggestiva di due bimbi che camminano, facendo girare con i loro passi un complesso meccanismo che anima la città, dà vita alla natura, pulisce l’aria, giova alla salute. 
 
Rapidità, abitudine, organizzazione, motivazioni logistiche, timore: quale che sia la ragione, di fatto una grandissima parte dei nostri spostamenti avviene in automobile. Si comincia la mattina presto, con il portare i figli a scuola, anche se spesso questa si trova a poche centinaia di metri da casa. Eppure i piedi sono un mezzo di trasporto a volte anche più rapido, di certo antico e naturale, e possono diventare un’abitudine salutare, economica, amica dell’ambiente ma anche del proprio relax pisco-fisico e della città che vedrebbe i suoi marciapiedi ripopolarsi. 
 
Ai genitori verrà inviata una lettera aperta, firmata dai sindaci e dagli assessori dei comuni aderenti, che parte dalle parole del poeta Roberto Roversi: “Camminare è un’arte. Un’arte di conoscenza e di previsione. Una sollecitazione a meraviglie”.
 
Dopo lo spunto poetico il testo richiama i tanti vantaggi che, in tempi in cui obesità e malattie cardiovascolari colpiscono tanti bambini italiani, il camminare ogni giorno può apportare alla salute: benefici al sistema nervoso, alla pressione, alla frequenza cardiaca, al colesterolo, perfino anche all’umore. Inoltre propone alle famiglie di camminare di più, a partire dal percorrere la strada da casa a scuola. Al messaggio rivolto ai genitori, si accompagna una cartolina dove i bambini sono invitati a disegnare e scrivere al Sindaco un messaggio per città rispettose di chi cammina.
 
Le cartoline dei bambini saranno raccolte ed esposte successivamente nei vari Comuni, mentre con una selezione delle cartoline delle diverse province verrà allestita una mostra regionale a Bologna a conclusione della campagna. 
 
L’iniziativa è parte dell’impegno della regione Emilia-Romagna, dei comuni e dei Centri di educazione allo sviluppo sostenibile per sensibilizzare a camminare di più a partire dai percorsi casa-scuola. In molti luoghi, come ad esempio a Fiorenzuola, sono così nati i Pedibus (ma anche i bici-bus) che accompagnano i bambini in gruppo a scuola a piedi o in bicicletta. “Passo dopo passo possiamo reinventare città amiche di chi cammina” si conclude la lettera inviata dai sindaci “del resto siamo nati per camminare”. 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.