Quantcast

Bakery Basket e i playoff, Medizza: “Difficile, ma ci crediamo”

Una larga vittoria utile ad infondere fiducia ed allo stesso tempo proseguire la cavalcata verso un sogno ormai dichiarato, i playoff: questo il resoconto dell’ultimo weekend per la Pallacanestro Piacentina. Grande protagonista il biancorosso Devil Medizza, migliore in campo per punti e valutazione

Più informazioni su

Una larga vittoria utile ad infondere fiducia ed allo stesso tempo proseguire la cavalcata verso un sogno ormai dichiarato, i playoff: questo il resoconto dell’ultimo weekend per la Pallacanestro Piacentina. Grande protagonista il biancorosso Devil Medizza, migliore in campo per punti e valutazione, oltre alla grande energia a cui ha ormai abituato il pubblico piacentino: “La partita contro Corno di Rosazzo è una di quelle che sento particolarmente, essendo delle mie parti, del Friuli. In più conosco gran parte dei loro giocatori, quindi c’è una certa rivalità. Io ero concentrato sul fare ciò che mi era stato richiesto: buoni blocchi, tanto pick ’n roll. Questo mi ha portato spesso sotto canestro da solo.”

Questa larga vittoria dove vi può portare?
“Adesso è dura dirlo, perché abbiamo sì fatto tante vittorie di fila ma dobbiamo fronteggiare il problema degli infortuni. In più dobbiamo recuperare sei punti in classifica per agganciare la zona playoff, è difficile ma io ci credo. Sarebbe un grande traguardo, ma già ora possiamo dire di aver fatto un progresso enorme rispetto all’inizio.”

Guardando alla classifica vediamo che ci sono 6 squadre racchiuse in due soli punti. A chi dovete guardare maggiormente?
“Sinceramente non mi preoccupa più di tanto chi ci segue. Noi dobbiamo puntare a vincere più partite possibili, chi è dietro si suppone resti dietro, in più con un paio di squadre abbiamo già la differenza punti favorevole. Ora dobbiamo stare attenti a cosa succede davanti a noi, perché le partite rimanenti sono poche e dobbiamo recuperare.”

La partita a Torino è la più importante della stagione?
“Sicuramente sarà molto importante vincerla. Torino è una squadra tosta, con lunghi che possono competere con Gennari in altezza risultando spesso decisivi, così come decisivi possono essere i loro migliori realizzatori. Dobbiamo fare una gran partita rimanendo sempre consci del fatto che non sono imbattibili, come del resto non sono le altre squadre del nostro girone.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.