Quantcast

Concittadini, studenti a lezione di legalità foto

Circa 100 ragazzi hanno incontrato Jole Garuti e Umberto Rollino del centro studi Saveria Antiochia Omicron (Osservatorio milanese criminalità organizzata al nord). Dosi: “Fondamentale affrontare il tema della legalità con i giovani”

Legalità e mafie al centro della seconda giornata di formazione promossa in Provincia nell’ambito dell’edizione 2013 del progetto Concittadini. Circa cento studenti delle scuole primarie e secondarie di secondo grado piacentine hanno preso parte questa mattina nella sala consiliare dell’ente di corso Garibaldi all’incontro con Jole Garuti, direttrice del centro studi Saveria Antiochia Omicron (Osservatorio milanese criminalità organizzata al nord) di Milano e membro del Collegio nazionale dei Garanti di Libera, e Umberto Rollino, docente di lettere in scuole secondarie di secondo grado e ricercatore per il centro studi Saveria Antiochia Omicron. Un incontro, quello di questa mattina, che fa seguito al primo appuntamento della “nuova edizione” di Concittadini dedicato al tema della Memoria.

I bambini dell’istituto comprensivo di Cortemaggiore hanno affrontato, con la guida delle insegnanti, il tema: “Le mafie: se le conosci le eviti” con un approfondimento dedicato al fenomeno del bullismo e al valore dell’integrazione. Gli studenti dei licei Cassinari e Gioia e degli istituti Romagnosi e Casali hanno invece partecipato ad una speciale lezione su come “Conoscere le mafie per prevenirle e contrastarle” in un percorso che ha toccato diversi ambiti: dal coinvolgimento delle organizzazioni criminali in attività economiche formalmente legali, alla tendenza delle organizzazioni mafiose ad espandersi verso il nord Italia fino all’indice di corruzione delle istituzioni burocratiche.

“Affrontare il tema della legalità oggi – ha detto l’assessore provinciale alle Politiche giovanili Massimiliano Dosi –  è importante soprattutto di fronte al diffondersi delle mafie nelle regioni del nord Italia. Attraverso il dialogo con i giovani è possibile aumentare il contrasto all’attività delle organizzazioni mafiose: il progetto Concittadini, che si impegna nella promozione di una cittadinanza attiva, si pone questo obiettivo”.

“La mafia – ha detto Rollino agli studenti – mangia il vostro futuro. E’ necessario che chiunque di noi rifiuti queste realtà al fine di migliorare il futuro dell’intero Paese”.
Il prossimo incontro è in programma il 5 marzo 2013 con la “lezione” di Francesca Cesarotti, responsabile della sezione “Educazione ai Diritti Umani” di Amnesty International Roma, sul tema dei diritti.

Obiettivi del progetto Concittadini, lo si ricorda, sono promuovere la cittadinanza attiva e la partecipazione diretta dei giovani alla vita civile della loro comunità; promuovere il rispetto reciproco, la solidarietà, l’ascolto e la tolleranza tra i giovani al fine di rafforzare la coesione sociale; favorire l’incontro tra il mondo dei giovani, quello degli adulti e quello delle realtà istituzionali e contribuire a migliorare la qualità degli interventi formativi e pedagogici a favore dei giovani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.