“Piacenza città della partecipazione”. 4 incontri tra Comune e cittadini foto

L’obiettivo è quello di scegliere un regolamento condiviso che definisca e valorizzi le diverse forme di partecipazione alla vita della collettività e alle scelte per il futuro di Piacenza

Si terrà nella Sala della partecipazione, ex-circoscrizione 2, martedì 26 febbraio ore 21, il primo di 4 incontri programmati dal Comune di Piacenza per incontrare i cittadini e confrontarsi sul tema della partecipazione. L’obiettivo è quello di scegliere un regolamento condiviso che definisca e valorizzi le diverse forme di partecipazione alla vita della collettività e alle scelte per il futuro di Piacenza.

“Vogliamo dare nuova linfa al coinvolgimento nei confronti delle scelte che il comune deve fare affinchè Piacenza diventi la città della partecipazione attiva- ha spiegato l’assessore Luigi Rabuffi, presente insieme agli operatori dell’ufficio partecipazione Tatiana Morelli, Lucia Rossi e Renza Malchiodi. L’obiettivo più alto è quello di darci una nuova regolamentazione e nuovi strumenti per la partecipazione”.

Il Comune, oltre ad aver organizzato i 4 incontri negli ex quartieri in cui era suddivisa la città, ha dato vita ad un percorso web sul sito del comune e tramite QUInfo e una raccolta di osservazioni per cui c’è tempo fino all’11 marzo. L’ultimo appuntamento sarà quello del 22 marzo, all’Auditorium Sant’Ilario, con la restituzione degli esiti del percorso.

Rabuffi a margine dell’incontro è poi voluto tornare sull’atto vandalico al giardino di via Santa Franca: “Un gesto che costerà 6-7 mila euro alla comunità, perciò anche un danno economico oltre ad essere stato un grave atto di inciviltà. Purtroppo a differenza del platano del Faxhall i due carpini sono irrecuperabili: abbiamo intenzione di denunciare queste persone e chiedere loro i danni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.