Piacenza si presenta alla Bit: “Un territorio da favola”

Un modo per fare conoscere Piacenza e il nostro territorio, per prendere i turisti “per la gola”. Il giorno clou sarà il 15 febbraio, ma la presenza di Piacenza sarà comunque costante in tutti e 4 i giorni

Più informazioni su

“Piacenza provincia da favola” è il motto con cui Piacenza torna alla BIT, la Borsa internazionale del turismo, presentato stamattina in Camera di commercio. Un modo per fare conoscere Piacenza e il nostro territorio, per prendere i turisti “per la gola”. Un ambito, quello legato alle specialità culinarie e al territorio a cui la nostra provincia è saldamente legata. Il giorno clou sarà il 15 febbraio, ma la presenza di Piacenza sarà comunque costante in tutti e 4 i giorni.

”Una occasione molto importante per farci conoscere – ha sottolineato Giuseppe Parenti, Presidente della camera di commercio – il nostro territorio ha delle caratteristiche e dei punti di forza molto importanti, dal punto di vista culinario e dei prodotti tipici, abbiamo molto da far conoscere e da insegnare”.

Presente anche Tiziana Albasi, Assessore alla cultura e al turismo del Comune di Piacenza: “Dobbiamo puntare su un turismo sempre più organizzato e ciò è possibile solo tramite l’unione delle forze tra comune, provincia e Camera di commercio. Piacenza – ha sottolineato l’assessore – non può distanziarsi dalle sue valli, dal suo territorio. Dobbiamo offrire ai turisti che vengono a conoscerci, tutto un insieme di prodotti, di luoghi, di paesaggi unici”.

La nostra provincia si propone di presentarsi al Mondo con le sue eccellenze tramite l’esaltazione della cucina piacentina come unione di tradizione e innovazione, per questo saranno presenti e all’opera, gli chef Isa Mazzocchi del ristorante La palta, Patrizio Dadomo de La Fiaschetteria e Emanuela Cattivelli chef dell’Antica trattoria “da Cattivelli”. L’incontro è rivolto agli operatori turistici e del settore, per mostrare le capacità e pe potenzialità del nostro territorio. Anche in vista dell’Expo 2015, Piacenza vuole mostrarsi come una provincia attrattiva dal punto di vista turistico e paesaggistico.

“Abbiamo deciso di unirci allo stand regionale in modo da accumulare più contatti possibili per fare conoscere il nostro territorio, i nostri prodotti e i nostri chef – ha detto Maurizio Parma, vice Presidente della Provincia di Piacenza  – quest’anno abbiamo deciso di affiancarci allo stand della regione al Bit e puntato molto sull’Artigiano in Fiera poiché ci sentiamo molto vicini a quel tipo di appuntamento, infatti il Bit è più per gli operatori del settore e giornalisti che per il pubblico”.

Elisabetta Virtuani di Bloomet, la società incaricata di di organizzare e gestire l’evento, ha spiegato alcuni punti focali della giornata di venerdì: “La degustazione seguirà un progetto della Strada dei vini e dei sapori dei colli piacentini, che punta sottolineare il legame che c’è fra il territorio e suoi prodotti. Saranno esposti sia i territori sia le preparazioni culinarie da parte degli chef che sono stati invitati, per dire quanto sia forte il legame fra tradizione e creatività – poi ha concluso – L’istituto alberghiero Marcora si occuperà del servizio in sala e saranno presenti i dei sommelier per presentare diversi vini utilizzati sia per le degustazioni che per la preparazione dei piatti ad opera degli chef”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.