Quantcast

Sabato il talk show tutto da ridere delle Stagnotte. Per La Ricerca

E’ quanto proporranno sabato 2 marzo le capaci attrici della compagnia teatrale piacentina con “The Hat’s party!”, uno spettacolo che pone al centro le donne e il rapporto di coppia con duplice fine

Più informazioni su

Un talk-show tutto da ridere e da far pensare. Perché portato sul palcoscenico teatrale dalle “Stagnotte” si trasforma in una sagace commedia capace di mettere a nudo limiti e paradossi dei salotti televisivi. Ed è quanto proporranno sabato 2 marzo le capaci attrici della compagnia teatrale piacentina con “The Hat’s party!”, uno spettacolo che pone al centro le donne e il rapporto di coppia con duplice fine: quello di far riflettere sorridendo sull’irrisolta complessità del rapporto uomini-donne, ma anche quello di dar man forte ad un percorso di portata sociale perché pensato per aiutare le famiglie del territorio sempre più in difficoltà ad affrontare il compito educativo quotidiano.

Si tratta del progetto “Tra il dire e il fare..meglio partecipare”, una sorta di tavolo di lavoro in cui varie agenzie educative del territorio lavorano insieme per il benessere dei ragazzi dagli 11 ai 14 anni e dei loro adulti di riferimento. Avviato a San Nicolò con la collaborazione professionale dei “Servizi Educativi – La Ricerca” in collaborazione con l’associazione di volontariato “Abracadabra”, il percorso, fatto di varie occasioni di incontro, coinvolge in primis il Comune di Rottofreno, con scuola media, parrocchia, Caritas e polisportiva di San Nicolò, Polisportiva Rottofreno (Ginnastica Artistica e danza), Calcio Baby Brazil, Agesci S.Nicolò (Scout), Avis, Auser e Airc S. Nicolò. All’avvio dello scorso anno, aveva coinvolto più di 150 ragazzi offrendo loro l’opportunità di vivere esperienze concrete di apprendimento e riflessione, sentendosi protagonisti, e imparando a responsabilizzarsi, nell’ottica dell’impegno a favore della comunità (ad esempio con attività di manutenzione e cura delle aree verdi del paese, o di smistamento, controllo e catalogazione degli indumenti, scarpe, giocattoli raccolti e distribuiti al Punto Caritas della parrocchia…).

La prosecuzione dell’esperienza, richiesta con forza dalle famiglie del territorio, sarà dunque resa possibile anche grazie all’aiuto che arriverà dalla commedia di sabato 2 marzo (l’ingresso è a offerta). Organizzata dall’associazione di volontari pro-La Ricerca, “Pace” (che significa Persona al Centro), in collaborazione con “La Ricerca”, “Abracadabra” e la Compagnia teatrale “Le Stagnotte”, si terrà nel teatro parrocchiale della Farnesiana, presso la chiesa “Santa Franca” (piazza Paolo VI). Avrà inizio alle 21. Sarà un talk-show televisivo a tutti gli effetti, un programma che incuriosisce, a cominciare dal titolo che dice tutto e niente: The Hat’s party!”. Condotto dalla famosa Barbarella, si occupa di donne: confidenze, trasgressioni, sogni e illusioni. Ingrediente principale: l’uomo misterioso e la sua strana richiesta di trovare una moglie. Il clima che Barbarella ha scelto per mettere a proprio agio le sue ospiti è proprio quello tutto confidenziale dell’amicizia, della franchezza, della spontaneità, per scoprire chi si aggiudicherà il matrimonio con l’uomo misterioso.

Da un’idea drammaturgica di Miriam Stefanoni e con la collaborazione delle attrici nell’approfondimento dei personaggi, nasce una performance leggera e frizzante dove prendersi gioco degli stereotipi a cui i mezzi di comunicazione in generale, e la televisione in particolare, riducono la donna e il suo ruolo nella nostra società.

Regia: Cristina Spelta 
In scena: Giovanna Proia (Barbarella), Tania Minichelli (Ludmilla), Marisa Sogni (Bice), Luisa Guida (Sharon), Elisa Fantinati (Lucina), Paola Guerra (Iris), Manuela Schiavi (Vanessa), Pia (Miriam Stefanoni)
Voce fuori campo: Giovanni Castagnetti
Drammaturgia: Miriam Stefanoni, Cristina Spelta
Costumi/Scene: Sara Marenghi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.