Quantcast

Sviluppo rurale, Piacenza prima in Regione per l’utilizzo dei fondi

La Provincia di Piacenza al primo posto nella gestione dei fondi connessi al Piano di sviluppo rurale. E’ questo l’esito della seconda verifica dell’efficienza finanziaria delle singole Province attuata dalla Regione Emilia Romagna sul Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013. 

La Provincia di Piacenza al primo posto nella gestione dei fondi connessi al Piano di sviluppo rurale. E’ questo l’esito della seconda verifica dell’efficienza finanziaria delle singole Province attuata dalla Regione Emilia Romagna sul Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013.

Si tratta di un criterio di premialità, già utilizzato per un primo monitoraggio alla fine del 2009, relativo alla quantità di risorse che le Amministrazioni provinciali riescono a distribuire alle aziende agricole sul territorio. 

Dalle verifiche effettuate in sede regionale emerge dunque ancora una volta un eccellente piazzamento della Provincia di Piacenza, mediante il raggiungimento del 97 % per ciò che riguarda la spesa e addirittura del 109 % in termini di percentuali di impegno delle risorse, con riferimento agli obiettivi finanziari specificatamente assegnati dalla Regione con apposita delibera.
Soddisfatto per gli obiettivi raggiunti a livello territoriale l’assessore provinciale all’Agricoltura Filippo Pozzi. “Si tratta  – ha sottolineato Pozzi – di un significativo risultato derivante sia dall’impegno degli uffici provinciali nel presidiare con tempestività ed efficienza le numerosissime pratiche di liquidazione dei contributi, sia dalla capacità di programmare adeguatamente le linee di finanziamento alla scala provinciale, anche attraverso specifici criteri di priorità, rendendo così uno strumento di aiuto comunitario – per sua natura così lontano dai singoli territori – il più possibile coerente alle esigenze espresse dal sistema agricolo locale”. 
Da rimarcare che all’ottimo piazzamento conquistato dalla Provincia di Piacenza corrisponderà un premio in termini di risorse aggiuntive derivante dall’utilizzo delle “penalità” assegnate alle Province meno virtuose. Tali fondi, accanto agli altri che si libereranno dalle economie a livello regionale, costituiranno un budget molto utile per le prossime operazioni di riallocazione finanziaria. 
“Considerata l’imminente conclusione dell’attuale programmazione agricolo rurale – ha concluso l’assessore Pozzi – l’obiettivo principale da perseguire resta quello di riuscire ad incrementare le dotazioni finanziarie riservate agli investimenti aziendali e alla competitività per consentire alle nostre aziende agricole di aumentare considerevolmente la capacità di rimanere sul mercato”. 
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.