Quantcast

Concittadini, a lezione di diritti con Amnesty International foto

I diritti umani al centro della terza e ultima giornata di formazione promossa dalla Provincia di Piacenza nell’ambito del progetto Concittadini. Circa cento studenti degli istituti Isii Marconi, Casali e Romagnosi e del Consiglio comunale dei ragazzi di Gragnano

Più informazioni su

CONCITTADINI 2013: SCUOLE A LEZIONE DI DIRITTI UMANI CON AMNESTY INTERNATIONAL

Terza tappa del progetto promosso dalla Provincia di Piacenza: cento studenti piacentini al lavoro

I diritti umani al centro della terza e ultima giornata di formazione promossa dalla Provincia di Piacenza nell’ambito del progetto Concittadini. Circa cento studenti degli istituti Isii Marconi, Casali e Romagnosi e del Consiglio comunale dei ragazzi di Gragnano hanno incontrato Alberto Emiletti, vicedirettore dell’ufficio educazione e formazione ai diritti umani di Amnesty International Italia, e Marta Genualdo attivista dell’organizzazione.

La “lezione operativa” ha portato all’attenzione dei ragazzi il tema dei diritti umani legati al fenomeno della povertà all’interno della campagna nazionale di Amnesty “Io pretendo dignità”. Diversi gli argomenti emersi: dall’esclusione sociale dovuta a condizioni di povertà, alla mancanza di un alloggio, alla progressiva sparizione di risorse naturali fruibili fino alla mortalità materna. “L’obiettivo – hanno sottolineato i due relatori – è quello di costruire, anche attraverso gli incontri con le scuole e le istituzioni, una mentalità in grado di portare in primo piano l’educazione dei diritti umani e, dove possibile, di attivare una prevenzione contro le violazioni dei diritti”.

“Per il 2013 – ha ricordato l’assessore provinciale alle Politiche giovanili Massimiliano Dosi – saranno coinvolti nel progetto Concittadini 11 soggetti coordinati dalla Provincia: tre Consigli comunali dei ragazzi (Carpaneto, Gragnano e Piacenza), 5 scuole superiori, due istituti comprensivi e una scuola media (Romagnosi, Casali, Cassinari, Gioia, Marconi, istituti comprensivi di Cadeo e Cortemaggiore, terzo circolo didattico Taverna). Gli obiettivi del progetto sono molteplici: promuovere la cittadinanza attiva e la partecipazione diretta dei giovani alla vita civile della loro comunità; promuovere il rispetto reciproco, la solidarietà, l’ascolto e la tolleranza tra i giovani al fine di rafforzare la coesione sociale; favorire l’incontro tra il mondo dei giovani, quello degli adulti e quello delle realtà istituzionali e contribuire a migliorare la qualità degli interventi formativi e pedagogici a favore dei giovani”.

“Nelle prossime settimane – ha concluso Dosi – gli studenti saranno coinvolti in nuove attività: dalla possibilità di visitare il palazzo della Provincia di Piacenza per comprendere come funziona la macchina amministrativa (da febbraio fino ad aprile), alla già programmata visita in Assemblea Legislativa a Bologna e al museo “Casa Cervi” (fissata per l’11 aprile). L’evento conclusivo è invece in agenda per il mese di maggio durante un convegno in Provincia alla presenza degli allievi coinvolti, che racconteranno l’esperienza vissuta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.