Quantcast

Concorso Bettinardi, domani finale dei gruppi foto

Il Concorso Nazionale “Chicco Bettinardi” - Nuovi Talenti del Jazz Italiano, giunto alla decima edizione e abbinato alla manifestazione “Piacenza Jazz Fest”, riprende venerdì 15 marzo 2013, alle ore 22.30, al “Milestone” di Via Emilia Parmense 27, sede del “Piacenza Jazz Club”, con la Finale della Sezione “B” - Gruppi, che prevede l’esibizione di quattro ensemble finalisti.

Più informazioni su

Il Concorso Nazionale “Chicco Bettinardi” – Nuovi Talenti del Jazz Italiano, giunto alla decima edizione e abbinato alla manifestazione “Piacenza Jazz Fest”, riprende venerdì 15 marzo 2013, alle ore 22.30, al “Milestone” di Via Emilia Parmense 27, sede del “Piacenza Jazz Club”, con la Finale della Sezione “B” – Gruppi, che prevede l’esibizione di quattro ensemble finalisti. L’ingresso è libero con tessera Piacenza Jazz Club o Anspi e sarà possibile accedere al club già dalle ore 20.30 (prenotazioni tavoli per la cena al n. 340-8529748; il tavolo va occupato entro le ore 21.00).
 
Il concorso a premi “Chicco Bettinardi”, patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è organizzato dall’Associazione Culturale “Piacenza Jazz Club”, con il sostegno determinante di “Fondazione di Piacenza e Vigevano” ed “Elitrans” (ultimo datore di lavoro del compianto Chicco Bettinardi, il socio del Jazz Club cui il concorso è dedicato) e con il supporto di “Yamaha Music Europe GmbH – Branch Italy” e “Naima Music Store” e si prefigge di scoprire e valorizzare i nuovi talenti del jazz italiano e di promuoverne le attività.
 
La Sezione Gruppi del “Bettinardi”, creata nel 2007, è riservata ai gruppi precostituiti, formati da strumentisti e cantanti jazz di ambo i sessi, che al momento dell’iscrizione non abbiano ancora compiuto 35 anni (non è previsto un limite minimo di età). Attraverso la fase delle tre semifinali, che si sono svolte con successo il mese scorso, la Giuria del concorso ha individuato i quattro gruppi finalisti, che si esibiranno al “Milestone” in quest’ordine: Five Coast, di Foggia, con Roberto De Nittis al pianoforte, Nazzareno Brischetto alla tromba, Michele Tino al sax alto, Glauco Benedetti al basso tuba e Diego Pozzan alla batteria; Enrico Ronzani Trio, di Faenza (Ravenna), composto da Enrico Ronzani al pianoforte, Henrique Molinario al contrabbasso e Giacomo Scheda alla batteria; Dynamic Trio, di Eboli (Salerno), composto da Marco De Gennaro al pianoforte, Francesco Galatro al contrabbasso e Stefano De Rosa alla batteria e Mario Nappi Trio, di Napoli, composto da Mario Nappi al pianoforte, Luca Mignano alla batteria e Corrado Cirillo al contrabbasso.
 
I quattro gruppi finalisti si contenderanno la vittoria proponendo una rosa di brani scelti liberamente, tra i quali almeno uno “standard”, come previsto dal regolamento del concorso. Ogni formazione avrà a disposizione un tempo massimo di circa 15 minuti.
 
I Five Coast eseguiranno lo “standard” Donna Lee di Charlie Parker e il brano originale Shapes, composto da Roberto De Nittis; Enrico Ronzani Trio proporrà il brano Deep Inside, scritto da Enrico Ronzani e lo “standard” Evidence di Thelonious Monk; Dynamic Trio presenterà lo “standard” Peri’s Cope di Bill Evans e i brani originali Zolfo Caldo di Francesco Galatro e Majorette in Minor Town di Marco De Gennaro; infine, Mario Nappi Trio eseguirà gli “standard” Evidence di Thelonious Monk, Here’s That Rainy Day di Jimmy Van Heusen e il brano originale Blues for X, composto da Mario Nappi.
 
Le esibizioni saranno valutate da una Giuria allargata, presieduta dal saxofonista Tino Tracanna, coadiuvato dal maestro Giuseppe Parmigiani, saxofonista, compositore e arrangiatore, da Giuseppe “Jody” Borea, esperto SIdMA – Società Italiana di Musicologia Afroamericana, da Fabio Bianchi, collaboratore del quotidiano “Libertà” di Piacenza, da Paolo Menzani, redattore del quotidiano online “PiacenzaSera.it”, dal batterista Massimo Manzi e da Luciano Vanni, editore della rivista “Jazzit”.
 
«I concorrenti ammessi alla finale hanno già raggiunto un importantissimo traguardo – dichiara Gianni Azzali, presidente del “Piacenza Jazz Club” e direttore artistico del “Piacenza Jazz Fest” – e sono certo che la Giuria saprà individuare tra loro i talenti migliori, destinati ad arricchire il panorama jazzistico italiano». 
 
Anche il pubblico del “Milestone” sarà invitato a esprimere una preferenza, votando il gruppo che ritiene più meritevole e determinando così l’assegnazione del “Premio del pubblico”, rappresentato da una targa offerta dagli organizzatori a simbolico riconoscimento del favore popolare.
 
Al termine della serata saranno annunciati i nomi dei due gruppi classificati, ma la graduatoria dei vincitori (primo e secondo posto) resterà top secret anche per i diretti interessati e sarà rivelata, come da tradizione, solo nel corso del “Galà di premiazione e fine festival”, che si svolgerà sabato 18 maggio 2013, presso lo spazio “Le Rotative” di Piacenza. Il gruppo primo classificato riceverà un premio di 1.500 euro, oltre ad un ingaggio al “Piacenza Jazz Fest 2014” e al “Premio Libertà”; al secondo classificato andranno 800 euro. I vincitori saranno, inoltre, segnalati su prestigiose riviste di settore.
 
Le selezioni del concorso “Bettinardi” si chiuderanno sabato 23 marzo al “Milestone” con la Finale della Sezione Solisti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.