Quantcast

Ecco Francesco, il papa che “arriva dalla fine del mondo”  foto

Dopo un’ora carica di attesa, ecco il successore di Joseph Ratzinger alla guida della Chiesa di Roma: ad affacciarsi dalla loggia della basilica di San Pietro è Francesco I Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires, 76 anni.  Le chiese di Piacenza hanno salutato l’arrivo del nuovo papa suonando le campane a festa. 

Più informazioni su

Aggiornamento ore 20 e 06 – Dopo un’ora carica di attesa, ecco il successore di Joseph Ratzinger alla guida della Chiesa di Roma: ad affacciarsi dalla loggia della basilica di San Pietro è Francesco I Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires, 76 anni. E’ il primo pontefice latino americano. Le chiese di Piacenza hanno salutato l’arrivo del nuovo papa suonando le campane a festa. 

“Fratelli e sorelle buonasera – queste le sue prime parole – voi sapete che il dovere del conclave era di dare un vescovo a Roma. Sembra che i miei fratelli cardinali lo siano andati a prendere quasi alla fine del mondo. Vi ringrazio dell’accoglienza”. Applausi e entusiasmo in San Pietro per il nuovo papa. 

Bergoglio era già tra i papabili nel conclave del 2005, e risultò il secondo più votato dopo lo stesso Benedetto XVI. Il nuovo Papa rivolge una preghiera per il suo predecessore. “Preghiamo insieme per lui perché il signore lo benedica e la Madonna lo costudisca”, ha detto. 
“Incominciamo questo cammino della chiesa di Roma, vescovo e popolo, di fratellanza, amore, fiducia tra noi. Preghiamo sempre per noi, l’uno per l’altro, perchè vi sia una grande fratellanza”. Affinché questo cammino “sia fruttuoso per l’evangelizzazione”.

Chi è Francesco I – Nato in una famiglia di origine piemontese, ha studiato dapprima come tecnico chimico, poi in seminario, quindi nel 1958 è entrato a far parte come novizio della Compagnia di Gesù, trascorrendo un periodo in Cile e tornando a Buenos Aires per laurearsi in filosofia. Per mantenersi gli studi per un breve periodo lavora anche come buttafuori in un locale malfamato di Còrdoba.
Dal 1964 ha insegnato per tre anni letteratura e psicologia nei collegi di Santa Fe e Buenos Aires, ricevendo poi l’ordinazione sacerdotale il 13 dicembre 1969.
Dopo altre esperienze di insegnamento e la nomina a Provinciale dell’Argentina è stato rettore della facoltà di teologia e filosofia a San Miguel e, nel 1986 è stato in Germania per il completamento del dottorato, prima del ritorno in patria, nella città di Córdoba, dove è diventato direttore spirituale e confessore della locale chiesa della Compagnia di Gesù.
Il 20 maggio 1992 è nominato vescovo ausiliare di Buenos Aires e titolare di Auca.
Il 3 giugno 1997 è nominato arcivescovo coadiutore di Buenos Aires. Succede alla medesima sede il 28 febbraio 1998, a seguito della morte del cardinale Antonio Quarracino. Diventa così primate d’Argentina. Dal 6 novembre dello stesso anno è anche ordinario per i fedeli di rito orientale in Argentina.
Dopo la nomina cardinalizia da parte di papa Giovanni Paolo II, il 21 febbraio 2001 con il titolo di San Roberto Bellarmino, è stato eletto a capo della Conferenza Episcopale Argentina, dal 2005 al 2011, Bergoglio è stato da sempre considerato uno dei candidati più in vista per l’elezione a Pontefice nel conclave del 2005. Pur se tradizionalmente il presule aveva sempre rifiutato incarichi di un certo peso nella Curia Romana, Bergoglio aveva secondo gli osservatori dalla sua parte lo schieramento compatto dei vescovi latinoamericani, e lo stesso Joseph Ratzinger, poi divenuto papa come Benedetto XVI sarebbe stato fra i cardinali che avrebbero appoggiato la sua elezione. Secondo alcuni, contrarietà sarebbe stata espressa dall’allora Segretario di Stato Angelo Sodano.
La ricostruzione più puntuale del conclave, raccolta dal vaticanista Lucio Brunelli, e che consiste nel diario di un cardinale elettore, indica in Bergoglio il cardinale più votato in conclave dopo Ratzinger.
Il 13 marzo 2013 alle 20:13 (ora italiana) è stato eletto Papa assumendo il nome di Francesco.
 

La chiesa ha il nuovo Papa. Alla quinta votazione della seconda giornata del conclave, alle 19.06, dal comignolo in Piazza San Pietro è uscita l’attesa fumata bianca. A breve il nome del nuovo pontefice che succede a Benedetto XV. Sarà il cardinale Jean-Louis Tauran ad affacciarsi dalla Loggia della Basilica di San Pietro, e a pronunciare il nome del cardinale diventato Papa indicandone il nome che l’eletto ha prescelto per il suo ministero. Anche a Piacenza campane a festa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.