Quantcast

Festa della donna, dal flash mob alla figura di Clara Maffei

Proseguono le iniziative promosse dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con diverse realtà del territorio, per celebrare la ricorrenza dell’otto marzo in tutti i suoi aspetti

Proseguono le iniziative promosse dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con diverse realtà del territorio, per celebrare la ricorrenza dell’otto marzo in tutti i suoi aspetti.  Sabato 9, alle 17.30, l’appuntamento è in piazza Cavalli con la tappa piacentina del flash mob mondiale “One billion rising”, manifestazione contro la violenza e le discriminazioni di genere tra balli, video proiezioni, musica, riflessioni e letture ad alta voce, all’ombra di Palazzo Gotico che eccezionalmente, per l’occasione, sarà illuminato nelle tonalità del rosa. L’evento è a cura del Comitato 25 novembre di cui fanno parte le associazioni Ambiente e Lavoro, Anpi, Arci, Auser, Avis, Centro Terra, Il Pane e le Rose, Libera, Telefono Rosa, Sentieri nel Mondo, Cgil, il coordinamento Donne Spi Cgil, Cisl e Donne pensionate Cisl.

Lunedì 11 marzo, alle 20.30, sarà invece il Teatro dei Filodrammatici la cornice di “Cara Clarina… Giuseppe Verdi nel famoso salotto milanese di Clara Maffei”, spettacolo di Emanuele Aldrovandi con la regia di Mario D’Avino, che vede Massimiliano Sozzi nel ruolo di Giuseppe Verdi, Carla They all’arpa e Fabrizio Cassi al pianoforte. A cura dell’assessorato alla Cultura del Comune di Piacenza, dell’associazione Verdissime.com e di Spi Cgil, la serata prevede eccezionalmente l’ingresso a pagamento (20 – 15 – 10 euro), con ricavato a sostegno di tre diverse iniziative: il recupero della chiesa parrocchiale di Fontanelle, lesionata dal terremoto, il restauro dell’organo dei Teatini di Piacenza e della chiesa di San Felice sul Panaro (Mo).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.