Quantcast

Impianti sportivi cardioprotetti, “Piacenza prima città in Europa”

Presentato il Progetto Vita Sport. In città sono presenti, infatti, 33 impianti di cui 21 dotati di defibrillatori; in provincia, invece, gli impianti sono 250 e 60 sono dotati di questo macchinario salvavita. Nei prossimi giorni, a Piacenza, ne verranno consegnati altri 5

Distribuire capillarmente i defibrillatori per fare attività sportiva in ambienti cardioprotetti. Parliamo del “Progetto-Vita Sport” che é stato presentato questa mattina, nella sala Giunta della Provincia di Piacenza. In città sono presenti, infatti, 33 impianti di cui 21 dotati di defibrillatori; in provincia, invece, gli impianti sono 250 e 60 sono dotati di questo macchinario salvavita. Nei prossimi giorni, a Piacenza, ne verranno consegnati altri 5. “Oggi – ha spiegato la dottoressa Daniela Aschieri, presidente dell’Associazione il Cuore di Piacenza – grazie all’impegno di INA Assitalia, della Provincia e del Comune di Piacenza insieme al CONI e a tutti i volontari di Progetto Vita parte un modello che renderà Piacenza la prima città in Europa ad avere gli impianti cardioprotetti. Il futuro, a Piacenza, é già presente”.

Per dotare i rimanenti impianti sportivi di defibrillatori partirà il “Progetto Vita- Sport”: verranno posizionate delle lavagne esplicative nei centri sportivi e nei locali pubblici che ne facciano richiesta (contattando Progetto Vita progettovita.pc@hotmail.it). Ognuno può partecipare alla raccolta fondi (per acquistarne uno e curare la sua manutenzione servono 2mila euro): di 2 euro in 2 euro la racconta verrà terminata e, ogni lavagna, verrà completata di bollini simbolicamente fatti a cuore. La prima lavagna verrà collocata in Provincia.

É intervenuto alla presentazione del progetto  il presidente della Provincia Massimo Trespidi. “Progetto Vita-Sport – ha detto – é il simbolo e lo slogan di questo progetto. La Provincia ha voluto ospitare questa conferenza stampa per dimostrare la nostra adesione. L’obiettivo é quello di diffondere negli impianti sportivi la presenza di almeno un defibrillatore. É un impegno che noi vogliamo sostenere facendo un appello forte alle società sportive e al mondo che vi ruota attorno. La Provincia di Piacenza ha dato il buon esempio dotando tutti i Comuni della Provincia di almeno un defibrillatore (nel corso del 2011/2012 ne sono stati acquistati e donati 12)”.  Presenti alla conferenza, oltre alla presidente dell’Associazione il Cuore di Piacenza Daniela, anche i rappresentanti del mondo sportivo piacentino.

L’esigenza di fornire di defibrillatore tutti i luoghi di attività sportiva é molto sentita: negli ultimi 10 anni si sono verificati nella nostra Provincia 17 arresti cardiaci in impianti sportivi, di cui 9 trattati immediatamente con defibrillatore (presente nella struttura) e 8 accaduti in impianti senza defibrillatore. 8/9 casi di arresto cardiaco si sono salvati negli impianti dotati di defibrillatore (88%) mentre solo 2/8 persone (solo il 25%) si sono salvate laddove non c’era un defibrillatore pronto all’uso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.