Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cooperazione

Inacqua e Coop Nordest insieme a sostegno della genitorialità, il laboratorio Pasqua “a costo zero” foto

La cooperativa sociale Inacqua e Coop Nordest a braccetto per sostenere il complicato ruolo del genitore e la sua missione educativa. La vocazione pedagogica di Inacqua e la forte impronta sociale delle attività di Coop Nordest per la prima volta si incontrano

Più informazioni su

Inacqua e Coop Nordest insieme a sostegno della genitorialità

La cooperativa sociale Inacqua e Coop Nordest a braccetto per sostenere il complicato ruolo del genitore e la sua missione educativa. La vocazione pedagogica di Inacqua e la forte impronta sociale delle attività di Coop Nordest per la prima volta si incontrano, integrando le rispettive competenze a vantaggio delle famiglie piacentine. Educazione alla salute e all’alimentazione, consumo consapevole e sostenibile sono i cardini della proposta informativa messa a punto dalle due coop, e che si traduce in realtà attraverso una serie di incontri aperti presso il centro “Marco Polo” Inacqua di via Rigolli, 23.

“Inacqua e Coop Nordest, entrambe appartenenti alla galassia Legacoop, – afferma Mariella Corti di Inacqua – hanno avviato un proficuo confronto il 7 dicembre 2012, in occasione del convegno di Bologna dedicato a Mutualità, Presente e Futuro. Insieme alla presidente del Distretto soci Coop di Piacenza Anna Barbieri e a Giovanna Buzzoni di Reggio Emilia, abbiamo cercato di porre le basi di una collaborazione nuova”.

“Insieme abbiamo definito – prosegue – una serie di incontri a sostegno della genitorialità che avessero al loro interno tante proposte gravitanti intorno al tema chiave dell’educazione alla salute. Abbiamo pensato di rivolgerci in particolare alle future mamme, ai bimbi piccoli che frequentano il nido e il centro Inacqua, ma soprattutto alle famiglie della scuola. E’ stato così definito un calendario di incontri aperti che coinvolgessero non solo le figure delle educatrici e delle insegnanti, ma con l’apporto di pedagogisti e medici”.

“Tanti gli elementi di novità che abbiamo deciso di introdurre nei percorsi formativi consolidati di sostegno alla genitorialità di Inacqua: per la prima volta si parlerà anche di cooperazione e di consumo, di consumo consapevole, di prodotti biologici, di filiera corta, ma anche di valori da poter offrire a tutta la comunità quindi e non solo a chi ci frequenta come utente o come amico”.

“Per questa parte di lavoro, sono state preziosissime le competenze specifiche di dietisti ed esperti alimentari. Uno degli appuntamenti che ha riscosso maggiore interesse ha riguardato il tema dell’alimentazione, ovvero di come rendere i bambini fin da piccoli ‘consumatori consapevoli’, grazie alla guida dei genitori e ai consigli del pediatra e, in caso di necessità della dietista.

Gli appuntamenti a sostegno della genitorialità, sono proseguiti con l’incontro per genitori ed educatori “Famiglie a colori” condotto da Emanuela Perini e il laboratorio creativo “Rici-Easter” per una Pasqua a costo zero, a cura delle insegnanti e delle educatrici del centro Marco Polo, presente anche Paola Di Marco di Coop Nordest.

Oggetti “da buttare” recuperati e rinnovati, ma anche uova dipinte e animate, e una coloratissima tovaglietta da comporre per educare i più piccoli al cibo sano. Sono gli esperimenti proposti dal laboratorio “Pasqua a costo zero” che il centro Marco Polo di Inacqua ha organizzato insieme alle famiglie per promuovere festività creative ma anche sostenibili.

L’iniziativa messa in campo dal centro per l’infanzia della cooperativa Inacqua, battezzata “Rici-Easter”, replica in forma pasquale l’esperienza del laboratorio natalizio, con la collaborazione di Coop Nordest e della cooperativa Mondo Aperto. Alle insegnanti e le educatrici del centro di via Rigolli il compito di accogliere i genitori e anche i nonni, coinvolti insieme ai bambini nella realizzazione delle attività del laboratorio. Fra gli esperimenti più graditi quello della realizzazione di una tovaglietta con “i 5 colori del benessere”, ciascuno dei quali corrispondenti all’immagine di un frutto. Un collage da comporre sulla base di cartoncino rettangolare poi appositamente plastificato per renderlo una vera e propria tovaglietta personalizzata, sulla quale consumare i propri pasti senza dimenticare le proprietà, e anche la gradevolezza estetica, dei cibi sani. “Un gioco che si trasforma – ha sottolineato Paola Di Marco dietista di Coop Nordest – in una attività di educazione alimentare, sappiamo quanto è arduo talvolta convincere i bambini a mangiare la frutta e la verdura, ma con l’accostamento ai colori e gli stimoli creativi del laboratorio possiamo agire concretamente anche sulle abitudini a tavola”.

L’iniziativa del laboratorio s’inserisce nel percorso di sostegno alla genitorialità che la scuola dell’infanzia Marco Polo di Piacenza sta attuando attraverso diverse forme. Non solo i collaudati cicli di incontri destinati ai neogenitori con gli esperti di varie discipline, ma anche nuove iniziative, come quella dei laboratori, tese ad un coinvolgimento sempre maggiore delle mamme e dei papà insieme ai figli nelle attività del centro. Una vocazione, quella di polo per l’infanzia che il “Marco Polo” intende perseguire introducendo nuove azioni e un’attenzione maggiore alla famiglia nella sua dimensione sociale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.