Quantcast

MacBeth per le scuole al Teatro dei Filodrammatici

Atteso ritorno a Piacenza del Charioteer Theatre di Forres (Scozia), con la direzione artistica di Laura Pasetti, che affronta la più nota delle tragedie Shakespeariane: “Macbeth”. 

Più informazioni su

Atteso ritorno a Piacenza del Charioteer Theatre di Forres (Scozia), con la direzione artistica di Laura Pasetti, che affronta la più nota delle tragedie Shakespeariane: “Macbeth”. Un progetto articolato per gli studenti della terza media e delle scuole superiori che affianca lo spettacolo “Macbeth – Biography of a killer” a workshops e lectures dedicate all’analisi del testo di Shakespeare e all’approfondimento del discorso linguistico e delle tematiche proposte nel dramma. Attività realizzate in lingua inglese, con interventi in italiano legati al livello di comprensione del pubblico. Il tutto al Teatro Comunale Filodrammatici nelle giornate di giovedì 7 e venerdì 8 marzo 2013 nel programma “InFormazione Teatrale” proposto da Teatro Gioco Vita con l’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita e il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

Lo spettacolo “Macbeth – Biography of a killer”, con la drammaturgia e la regia di Laura Pasetti, sarà presentato sempre con doppia recita, giovedì 7 marzo alle ore 9 e alle ore 10.45, venerdì 8 alle ore 10 e alle ore 14.30 nell’ambito della Stagione di Teatro Scuola “Salt’in Banco” proposta da Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione con Fondazione Teatri e Comune di Piacenza – Assessorato alla Cultura.

In scena Julia Dixon Phillip, Steven McIntyre, Jamie Walker, Matteo De Mojana. All’allestimento collaborano Valentina Albertario (assistente alla regia), Ginevra Danielli (costumi), Manuel Frenda (luci), Malcolm Rogan (direttore tecnico) e Dawn Jones (voci delle Streghe).

La vicenda è ambientata in un periodo attuale durante una delle molte guerre che imperversano nel mondo. La storia parte dalla fine del dramma di Shakespeare: siamo agli ultimi giorni dell’assedio al castello di Cawdor prima dell’attacco finale. Il Generale Macbeth, rinchiuso in un bunker e assillato dai sensi di colpa, narra ad un giornalista la storia della sua ascesa e della sua caduta: le ultime ore di un soldato diventato Re con l’omicidio e con l’inganno. Mentre fuori imperversa la guerra, Macbeth, aiutato dai fantasmi di Lady Macbeth e di Banquo, rivive per il giornalista i momenti decisivi e più oscuri della sua storia: l’incontro con le Streghe, il complotto escogitato con sua moglie, l’uccisione del re e la messa in scena per dare la colpa alle guardie, i sospetti sull’amico Banquo e la sua uccisione, la pazzia di Lady Macbeth fino all’inevitabile declino, predetto e mai accettato. Il giornalista gli porrà delle domande e cercherà di trovare quelle risposte che la storia stessa e il pubblico non sono ancora riusciti a dare.

La vicenda è narrata da 4 personaggi: Macbeth, Banquo, Lady Macbeth e un reporter di guerra. I primi tre sono personaggi della tragedia di Shakespeare, l’ultimo rappresenta l’elemento di contaminazione tra inglese antico e moderno e funge anche da ponte tra l’inglese e l’italiano: si rivolge a Macbeth in inglese moderno mentre commenta alcuni dei momenti più significativi in lingua italiana. I suoi interventi in lingua italiana dipendono dal livello di comprensione dell’inglese da parte del pubblico. Le scene da Shakespeare sono rigorosamente nell’inglese del Bardo. Banquo e Lady Macbeth sono morti: ritornano sotto forma di “fantasmi della memoria” per aiutare Macbeth a raccontare i vari episodi della storia.

Charioteer Theatre è una compagnia teatrale internazionale e un centro di educazione al teatro nato nel 2005 con l’intento di costruire ponti culturali e creare esperienze artistiche che coinvolgessero attori di varie nazionalità.

Nata in Scozia, date le orgine del suo direttore artistico Laura Pasetti, la compagnia ha stabilito subito un’interessante collaborazione con i più prestigiosi teatri italiani dedicandosi alla formazione di un repertorio per “giovani adulti” che potesse offrire spunti e stimoli alla crescita, alla conoscenza e all’approfondimento della lingua inglese attraverso un approccio innovativo e per nulla scontato. Charioteer Theatre non fa “teatro per ragazzi”, fa teatro per giovani menti che hanno bisogno di ispirazioni, di sfide e di punti fermi imprescindibili su cui basare il loro apprendimento e la loro ricerca d’identità; ecco perchè spesso Charioteer si affida ai classici ed in particolare a Shakespeare per coinvolgere il pubblico in un percorso costellato di domande, di immagini e di metafore. Lo spettacolo, per gli artisti della Compagnia, è solo il punto di arrivo. Il rapporto con gli studenti nasce durante i workshop, prosegue con le proposte di studio e di scrittura in classe e si conclude con un confronto diretto tra pubblico e attori.

Per tutte le attività di “Salt’in banco” la prenotazione è obbligatoria e deve pervenire all’Ufficio Scuola di Teatro Gioco Vita, telefono 0523.315578 – fax 0523.338428; scuola@teatrogiocovita.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.