Quantcast

Mountain Bike, tutto pronto per la Scott Valdarda Bike

L’1 e il 2 giugno le colline piacentine ospitano due attesi eventi d’elite. Per la nona volta gli “Internazionali MTB Series” fanno tappa a Lugagnano. Completa lo spettacolo la Staffetta che assegna il titolo tricolore. Lugagnano Off Road mette in pista come consuetudine la Scott Valdarda Bike
 

Più informazioni su

L’1 e il 2 giugno le colline piacentine ospitano due attesi eventi d’elite. Per la nona volta gli “Internazionali MTB Series” fanno tappa a Lugagnano. Completa lo spettacolo la Staffetta che assegna il titolo tricolore. Lugagnano Off Road mette in pista come consuetudine la Scott Valdarda Bike
 
 
“Lugagnano Off Road”, Internazionale per antonomasia.
La gara di mountain bike Scott Valdarda Bike che impera sulle colline piacentine ormai da tanti anni, nel 2013, precisamente nel week-end dell’1 e 2 giugno, rientra nel circuito “Internazionali MTB Series” dopo l’assenza giustificata dello scorso anno quando Lugagnano ospitò il Campionato Italiano Assoluto di cross country, un evento di grande successo.
La Scott Valdarda Bike rappresenta il nono episodio degli “Internazionali” in terra piacentina, gare che hanno lasciato il segno grazie a protagonisti come Fontana, Longo, Zoli, Lechner, Veronesi, Fruet e Kerschbaumer, e gli assi internazionali Naef, Gujan, Dahle, Paez, Kessiakov, Gutierrez, Schneitter e Zakelj, nomi in ordine sparso solo per dare un’idea della portata dell’evento.
 
Ma quest’anno il team coordinato dall’esperto Luciano Vespari… raddoppia. Non solo “Internazionali MTB Series” domenica 2 giugno, ma anche Campionato Italiano Staffetta XC Team Relay sabato 1 giugno, una chicca in più per trascorrere da protagonisti o da spettatori un week-end frizzante ed entusiasmante nell’accogliente Lugagnano.
 
“Lugagnano Off Road”, la società che propone la Scott Valdarda Bike, è nata nel 1990 per assecondare la passione di un gruppo di bikers della zona, inizialmente come attività ludico-ricreativa, poi decisamente sportivo-agonistica. Già nel 1991 ha visto la luce il primo evento con il Trofeo Tedaldi, che quest’anno si propone nella 21.a edizione e che ha scritto pagine significative della storia del ciclismo italiano, sia con gli otto eventi degli “Internazionali” ma anche con due Campionati Italiani XC ed uno Marathon.
Una bella esperienza maturata sul campo e con un bel gruppo agonistico, del quale fanno parte molti giovani, impegnato regolarmente nelle competizioni.
Lo scorso anno la Scott Valdarda Bike ha cambiato volto e con significativi investimenti i ragazzi di “Lugagnano Off Road” hanno letteralmente ridisegnato il percorso, rendendolo molto tecnico e contemporaneamente molto più spettacolare, soprattutto per il pubblico, introducendo nuovi tratti artificiali. Un percorso che si è ispirato un po’ a quello olimpico di Londra, con la “sassaia”, un tratto in discesa caratterizzato da grossi sassi spigolosi e dove i migliori hanno saputo fare la differenza, la “legnaia” con scalini “traditori” realizzati con dei tronchi, il “cavatappi”, alcune paraboliche da affrontare a “manetta”, ma non bisogna tralasciare comunque la parte del vecchio tracciato tutto off road che negli anni ha saputo farsi apprezzare, sia nella parte che si inoltra nella boscaglia sia quella sui prati, di solito presi d’assalto dagli appassionati.
Dunque l’1 e il 2 giugno non si può mancare, il Campionato Italiano Staffetta XC Team Relay e gli “Internazionali MTB Series” in abbinata allo spettacolare tracciato promettono, anzi garantiscono, uno show di alto livello.
Il programma è in via di approvazione, nel frattempo meglio segnarsi in agenda l’appuntamento dell’1 e 2 giugno. Raggiungere Lugagnano Val d’Arda è facile, per chi arriva in autostrada l’uscita consigliata è Fiorenzuola, poi si infila la Val d’Arda e in una manciata di minuti, passato Castell’Arquato, si giunge a Lugagnano.
Info: www.lugagnanooffroad.it  
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.