Quantcast

Nevicata, Cavalli: “Quali i costi?”. Unione Padana: “Servizio sgombero insufficiente” foto

I disagi della neve primaverile finiscono all’attenzione della Regione. Il consigliere leghista interroga la giunta. Unione Padana: "Servizio inefficiente, i responsabili paghino"

I disagi della neve primaverile finiscono all’attenzione della Regione. La giunta di viale Aldo Moro sarà chiamata a relazionare sulle misure messe in atto per “fronteggiare precipitazioni insolite per la stagione”. Le richieste all’Esecutivo sono state formulate dal consigliere regionale leghista Stefano Cavalli, in un’interrogazione protocollata questo pomeriggio. 

“Chiediamo di sapere quali costi aggiuntivi abbia generato la neve odierna, visto che la convenzione con i trattoristi è scaduta il 15 marzo” spiega l’esponente del Carroccio. “Sarebbe auspicabile che la Regione fornisse un ‘sostegno straordinario’ ai Comuni, vista la situazione del tutto eccezionale che le casse municipali si trovano a fronteggiare, in un momento di crisi e a fronte di una nevicata inattesa”. Nell’interrogazione Cavalli chiede anche un bilancio di eventuali “danni registrati”, se “la neve abbia compromesso l’assetto idrogeologico territoriale” e di verificare “se Seta abbia messo in campo tutte le misure necessarie per garantire sicurezza ai passeggeri”. 

“A questo riguardo, apprendiamo con preoccupazione dell’allarmante caso di un bus scivolato sul ciglio della strada a Gariga e di altri mezzi che hanno dovuto far fronte a situazioni di potenziale rischio per i passeggeri, oltre a disagi e ritardi diffusi. Attendiamo una relazione dettagliata, da parte dell’azienda (con il sollecito della Regione) su quanto fatto per prevenire simili episodi. Se è vero che la neve era probabilmente inattesa, non ci si può trovare impreparati di fronte ai rischi”. 

Unione Padana: “Insufficiente il servizio di sgombero. I responsabili paghino”
Sul tema è intervenuto anche la segreteria provinciale di Unione Padana Piacenza, che attacca il servizio di servizio di pulizia stradale post nevicata, definito “davvero insufficiente e superficiale. Dopo la nevicata di stanotte, come dopo le tante nevicate avvenute quest’anno, nessuno è passato a pulire fino a tarda ora”. A tal proposito interviene Luigi Ferraroni,  segretario provinciale UP Piacenza: “Chi prende dei soldi per dare questo servizio, e gli amministratori degli enti locali, si devono ritenere responsabili degli incidenti avvenuti a causa del disservizio causato anche dall’inefficienza – attacca il segretario provinciale Luigi Ferraroni -. Stamattina, per raggiungere il posto di lavoro, abbiamo impiegato due ore in più del solito ed abbiamo rischiato la vita; le strade erano sporche, come ormai abbiamo appurato accade ogni volta che cadono due fiocchi di neve”.

“Tante erano le auto fuori strada lungo il mio tragitto, tir fermi sulla tangenziale perchè non riuscivano a fare la salita appena fuori dal tunnel e tante sono le segnalazioni con foto che abbiamo ricevuto (nelle immagini a fianco). Ci hanno imposto di montare le gomme termiche, forse sarebbe stato meglio che ci consigliassero di comprare delle ciaspole e di andare a piedi” – conclude Ferraroni – la sicurezza stradale deve essere valutata dai comuni e dalla provincia, ed i piacentini devono essere difesi dal rischio incidente in modo serio, non dando delle sanzioni al fine di fare cassa, ma facendo la manutenzione stradale, ripristinando la segnaletica e togliendo la neve per tempo.”

Tra le segnalazioni ricevute da UP Piacenza quelle riguardanti la strada provinciale 36 di Godi, e varie vie di San Giorgio piacentino, quali via Albert Schweitzer e Via Aldo Moro. “Si segnalano in modo particolare, la situazione intollerabile delle frazioni, come Costa di Godi, Strada di Gerbido e la strada di Ribera, ogni volta l’ultima ed essere pulita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.