Presidente della Fondazione, l’ironia di Federico Scarpa

Riceviamo e pubblichiamo l'intervento di Federico Scarpa, presidente della Libera associazione commercianti di Piacenza, in merito all'elezione del nuovo presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano 

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Federico Scarpa, presidente della Libera associazione commercianti di Piacenza, in merito all’elezione del nuovo presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano 

In attesa di predisporre un attento intervento su tutto quanto è successo attorno alla Fondazione in questi ultimi mesi, rivendico ancora la superiorità del mio curriculum vitae rispetto a quello del neo eletto presidente che, al di là di una sporadica apparizione in parrocchia assieme al Sindaco Dosi, non si capisce cos’altro abbia fatto di rilevante.
 
Oggi invece vorrei esprimere la mia soddisfazione per un parziale riscatto che Scaravaggi sembra stia avendo (forse illuminato da San Francesco) in relazione alle precedenti scelte con la cooptazione di Giorgio Milani nel Consiglio Generale e con la nomina, sembra ormai certa, di Stefano Pareti nel CdA.
 
Posso finalmente esultare come socialista per un ritorno molto forte di ex esponenti di primo piano del Partito Socialista piacentino.
 
Pertanto, ritengo che la Fondazione sarà ben gestita attraverso un intervento laico e cattolico come ai vecchi tempi!
 
Rilevo che, a questo punto, il comitato della Pertite avrà buon gioco nell’accedere ai fondi della Fondazione (attraverso il proprio sostenitore Stefano Pareti) per acquistare l’area delle Pertite e permettere loro, finalmente, di portare i cani a sgambare.
 
Mi auguro infine, che dal prossimo CdA non escano verbali in originale come è successo in precedenti occasioni.
 
Cordiali saluti e auguri di buon lavoro a tutti.
Federico Scarpa
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.