Quantcast

Sciopero della fame di Chiaravalloti (Siap): “Contro il digiuno della trasparenza in questura”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del segreatrio generale del Siap Sandro Chiaravalloti, che ha deciso di adottare una forma plateale di proesta contro il questore di Piacenza

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del segreatrio generale del Siap Sandro Chiaravalloti, che ha deciso di adottare una forma plateale di proesta contro il questore di Piacenza. Ecco il testo. 

Dalle 10 di questa mattina, due giorni di sciopero della fame da ripetersi ogni settimana ( ogni lunedì) – non posso fare di più per non rischiare di perdere l’idoneità al servizio di polizia – per combattere il digiuno della trasparenza e del non rispetto delle norme contrattuali messo in atto dal Questore Germanà.

Nel corso degli anni a seguito di dure e leali battaglie sindacali posti in essere dal SIAP, abbiamo ottenuto risultati eccellenti utilissimi a difendere i diritti dei lavoratori e i diritti sindacali. Il questore Germanà, sin da Suo arrivo a Piacenza, ha violato norme contrattuali e circolari dipartimentali vanificando l’attività sindacale trasparente del SIAP e umiliando, di conseguenza, una categoria di lavoratori che già soffre pesantemente a causa delle scelte governative di un paese in piena crisi.

Poliziotti da difendere con energia in quanto nonostante tutto continuano a fornire sicurezza al paese con sacrifici personali. Dopo una serie interminabile di violazioni contrattuali, anche in tema di esame congiunto con le OO.SS., ieri, in un solo giorno, ed è questo che scatena la protesta, il Questore Germanà ha buttato nella spazzatura l’attività sindacale di 10 anni tesa a confrontarsi con l’amministrazione attraverso la fornitura di dati utili a verificare il rispetto delle norme e soprattutto le disparità di trattamento. Stesso problema – mancata trasparenza – è avvenuto poco tempo fa sui dati forniti per la verifica degli orari di Ordine Pubblico tesa a controllare che tutti i colleghi vengano impegnati in tali servizi gravosi e senza nessun privilegio . Il tutto, negli anni, è stato conquistato con il consenso dell’amministrazione – consenso presente nei verbali di incontro e nelle risposte dipartimentali – .

Dai ieri, autonomamente, senza alcuna considerazione di quanto riportato in atti pubblici, da circa 200 pagine utili a verificare il tutto, i dati forniti sono stati elencati in sole 2 pagine riportanti numeri non sufficienti a porre in essere la verifica prevista, limitando l’attività sindacale tesa a difendere i lavoratori. . Abbiamo la netta impressione che il Questore abbia da nascondere privilegi, in quanto nelle scorse verifiche abbiano notato personale di Polizia che non partecipa all’aggiornamento professionale – come il Capo di gabinetto – e personale che non partecipa ai servizi di O.P. come tutti gli altri. In un Ufficio come la Questura, non si possono permettere privilegi e privilegiati, soprattutto in questo periodo di crisi dove mancano mezzi e risorse umane. Del resto, la questura accetta anche questo, ci sono colleghi che non effettuano servizi operativi, ma quando ci sono servizi dove c’è da guadagnare bene, spuntano come i funghi.

Per il 12 marzo p.v. ho indetto riunione di segreteria e direttivo Siap al fine di decidere se organizzare una staffetta dello sciopero della fame da effettuare con tutti i membri di segreteria e direttivo Siap, sino a quando non sarà ristabilita la trasparenza e la legalità presso la Questura di Piacenza.

Il Segretario Generale provinciale SIAP
Sandro Chiaravalloti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.