Quantcast

Unioni dei comuni, il Pd: “Meno ambiti ma più forti, Sarmato in Val Tidone”

Il processo di riordino dei comuni portato avanti dalla Regione si propone obiettivi certamente condivisibili di razionalizzazione e riforma del livello di governo del territorio più vicino ai cittadini,

Più informazioni su

COMUNICATO STAMPA

Unioni dei comuni, Silva e Bergonzi (Pd): “Meno ambiti ma più forti, per Sarmato conti la geografia”

“Il processo di riordino dei comuni portato avanti dalla Regione si propone obiettivi certamente condivisibili di razionalizzazione e riforma del livello di governo del territorio più vicino ai cittadini, che produca economie di scala e conseguenti risparmi di risorse da impiegarsi per servizi all’altezza delle aspettative di tutti, più efficaci, accessibili e semplici sia per le aziende sia per i cittadini. E tuttavia a Piacenza non mancano alcuni elementi problematici che intendiamo porre in evidenza”. Lo affermano in una nota il segretario provinciale del Pd Vittorio Silva e il responsabile enti locali Marco Bergonzi.

“Per gli abiti ottimali, sono stabiliti determinati requisiti demografici di superficie, così l’Emilia Romagna è stata suddivisa in 46 ambiti. Ma la prima cosa che balza all’occhio è che Piacenza ha un numero di ambiti (8) sproporzionato rispetto a tutto il resto della Regione: la Provincia di Parma ne conta solo 5, Modena 6 e Bologna 7 in tutto”.

“Dal momento che le aggregazioni verranno favorite – proseguono – anche per quanto riguarda l’erogazione dei finanziamenti regionali, lascia perplessi il fatto che per la nostra Provincia, si sia fatto così ampio ricorso alle deroghe rispetto al dimensionamento minimo stabilito dalla Regione stessa, per delineare gli ambiti. Non vorremmo che in futuro tanti ambiti piccoli, fossero più deboli nei confronti della Regione, rispetto alle aggregazioni molto più consistenti che caratterizzano tutte le altre province.

Nel nostro territorio si è evidenziata una certa ritrosia al ‘mettersi insieme’, ma il prevalere della logica di campanile rischia non di salvare, ma di isolare chi la persegue, rispetto alle dinamiche di riforma del governo del territorio che saranno un percorso obbligato a tutti i livelli, dallo Stato alle Regioni, alle Province ed ai Comuni. E dimagrire, significa razionalizzare e ridurre.

Oltre alle deroghe, anche alcuni criteri geografici utilizzati nella definizione del perimetro degli ambiti, non sono facilmente comprensibili e, il caso di Sarmato è, non l’unico, ma sicuramente emblematico. Secondo la geografia, Sarmato è indiscutibilmente in Val Tidone (il fiume non si sposta con una delibera) e dista da Castelsangiovanni, quanto, a Piacenza, lo stadio da Piazza Cavalli: quale logica fa sì che venga aggregato altrove, proclamandolo in Valtrebbia?”
“Quelle in atto sono scelte importanti – concludono – per il futuro dei territori e occorre guardare al domani, oltre l’immediatezza delle scadenze contingenti, in un’ottica di lungo periodo. Ci auguriamo che nella definizione dei “compagni di viaggio” con cui aggregarsi, non abbiano avuto un peso anche i rapporti interpersonali tra gli amministratori dei vari Comuni, perchè questi sono pro-tempore, mentre le comunità restano e su di esse ricadono le scelte”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.