Autovelox contestati e imbrattati, “solo” 25 multe in due mesi e mezzo foto

Presentato il report della Polizia Provinciale sugli interventi fatti nel 2012. Al centro dell'attenzione La comandante Olati: "L’inciviltà di chi ha imbrattato le strutture si commenta da sola. Fanno un danno a tutta la società"

Meno personale ma più ore lavorate, interventi in continua crescita, così come le multe emesse, a cui si va ad aggiungere anche il lavoro a fianco delle popolazioni terremotate. E’ questo, in sintesi, il bilancio del 2012 della Polizia Provinciale che oggi ha tirato le somme dell’ultimo anno. “Dobbiamo solo congratularci – commenta l’assessore alla Sicurezza Maurizio Parma – per il lavoro che queste persone svolgono”. 
 
LE CIFRE – Dal report annuale sono uscite cifre significative: 19 operatori attivi (contro i 24 considerati essenziali), oltre 22mila ore lavorate, 201mila chilometri percorsi dai mezzi, più di 10mila controlli, quasi 2mila verbali emessi, 2300 punti di patente decurtati, 14 denunce con un totale di 250mila euro di sanzioni elevate. Un lavoro imponente che riguarda tutta la provincia di Piacenza in settori importanti come il campo amministrativo, quello ambientale, il settore faunistico, quello ittico e quello dei controlli sul strada. 
 
AUTOVELOX DANNEGGIATI – Su cinque autovelox installati dalla Polizia Provinciale (scopri dove), tre sono stati danneggiati negli ultimi mesi. “L’inciviltà si commenta da sola e i cittadini devono capire che diventa un costo per la collettività”. La comandante della polizia provinciale, Anna Maria Olati, usa parole dure per commentare questi episodi. Qualcuno ha utilizzato una bomboletta spray per oscurare le finestrelle da cui viene scattata la foto. Per ora sono attivi solamente due velobox, quello in località Fossadello e quello a Bogonovo. Abbiamo già previsto – dicono dalla Polizia provinciale – la sistemazione della strumentazione e a breve verranno sistemati. Deve essere chiaro che a noi interessa fare prevenzione non multe a raffica”. 
Ad oggi, a poco più di due mesi dall’installazione, sono state emesse 25 multe a cittadini che superavano i limiti. “Ma abbiamo raggiunto importanti obiettivi – continua Olati – riuscendo a fare prevenzione”. 
 
AIUTI AI TERREMOTATI – Nonnostante le tante problematiche la polizia provinciale di Piacenza è riuscita anche a dare una mano alle popolazioni di Modena pesantemente colpite dal terremoto. “In particolare – spiegano – sono stati svolti servizi in due comuni: Camposanto e Concordia con servizi mirati in particolare di controllo nei momenti di distribuzione dei pasti e per impedire che ci fossero problemi nelle case distrutte nella zona rossa della città”. 
 
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.