“Diventare sorelle a Teheran”, lunedì la presentazione del libro di Paradiso

Lunedì 29 aprile 2013, presso il caffè letterario Baciccia alle ore 21.00, il giornalista piacentino Massimo Paradiso presenterà il suo ebook Diventare sorelle a Teheran, edito da Emma Books e frutto delle sue interviste alle donne di Teheran

Lunedì 29 aprile 2013, presso il caffè letterario Baciccia alle ore 21, il giornalista piacentino Massimo Paradiso presenterà il suo ebook Diventare sorelle a Teheran, edito da Emma Books e frutto delle sue interviste alle donne di Teheran. La protagonista del libro è Azin, incarcerata per aver risposto all’sms di un’amica che la invitava a scendere in piazza e partecipare alle manifestazioni del Movimento Verde. Dopo terribili torture fisiche e psicologiche, Azin è condannata a due anni di reclusione nel carcere di Evin. Le sue compagne di cella, un gruppo di donne istruite e determinate, sono accusate come lei di essere nemiche dello Stato. Insieme a loro scopre che la passione e le idee possono rendere liberi anche tra le pareti anguste e buie di una prigione. È così che Azin, figlia unica, diventa sorella di tutte le donne iraniane che lottano per i propri diritti.

Durante la presentazione dell’ebook, in collaborazione con Amnesty International Piacenza, verranno esposte le fotografie della mostra “Stop alla discriminazione delle donne in Iran”. Le immagini ci raccontano la storia di un gruppo di donne straordinarie che ogni giorno mettono a repentaglio la propria vita per ottenere diritti, uguaglianza e giustizia e che il 27 agosto 2006 hanno lanciato la campagna “Un milione di firme” per chiedere l’abolizione delle leggi discriminatorie in vigore in Iran nei confronti delle donne.

Massimo A. Paradiso è un giornalista piacentino. Dopo l’adolescenza passata a Seattle, negli Stati Uniti, muove i primi passi nel giornalismo scrivendo recensioni per il “Seattle Post-Intelligencer”. Ha lavorato per lungo tempo all’Agenzia “Dire”, collabora con “Il Fatto Quotidiano” dal 2009 e dal 2012 è stato corrispondente dal Kazakhistan e dall’Iran per “The Business Year”, giornale economico-finanziario della City. A Teheran ha raccolto l’ultima intervista di Ali Akbar Javanfekr, il direttore dell’agenzia di stampa iraniana “IRNA”, prima del suo arresto da parte del regime e da quel momento ha cominciato a interessarsi ai reati d’opinione in Iran. Da questa sua esperienza è nato Diventare sorelle a Teheran.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.