Ipovisione, a Piacenza una mostra-convegno internazionale

Gli ausili e le migliori esperienze (anche dalla Cina) per l’inclusione scolastica e lavorativa, i software liberi e accessibili, le “app” per gli smartphone e gli ultimi risultati della ricerca scientifica sulle protesi retiniche sono al centro dell’appuntamento in programma sabato 13 aprile presso l’Albergo Roma. Ingresso libero

Più informazioni su

Dalle tecnologie utili in abito scolastico (con la presentazione di un’esperienza direttamente dalla Cina) a quelle per l’integrazione lavorativa, dalle “app” accessibili ai software liberi, fino agli ultimi ritrovati della scienza e della ricerca sulle protesi retiniche. Si svolge sabato 13 aprile a Piacenza la mostra-convegno internazionale “Ciechi e ipovedenti: cittadini tra gli altri. La tecnologia come strumento di integrazione sociale e di accesso alla cultura”, organizzata dall’associazione Retinite Pigmentosa Emilia-Romagna insieme alle “consorelle” di Piemonte (Apri onlus), Liguria (Rp Liguria), alla Lega del filo d’oro e alla Fondazione Lucia Guderzo di Padova.

In programma dalle ore 9.30 presso il Grande Albergo Roma (via Cittadella 14), l’appuntamento porterà sotto i riflettori le tecnologie adattive a favore dei non vedenti e ipovedenti, grazie all’intervento di alcuni esperti italiani e internazionali e alla partecipazione delle principali aziende di ausili e strumenti per migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità visiva.

Il convegno prende il via alle ore 10 con la relazione di Zhao Yu, insegnante della Beijing school for the blind di Pechino, sui software per l’inclusione scolastica. A seguire, il belga Johan Van Doren parlerà del presente e del futuro dei supporti elettronici per ipovedenti. Tra questi l’AuxDeco, una nuova forma di “vista” attraverso microchip che consentono di ricevere immagini attraverso il tatto, che sarà presentato dal presidente di Advanced Medical Services Bruno Falasca e dal presidente di EyePlusPlus Europe Mauro Gagliardi.

Spazio quindi al tema del lavoro (e ai programmi, anche open source, che facilitano l’uso professionale del computer) con Luciano Muratore, ingegnere dell’area Ricerca e sviluppo dell’azienda Tiflosystem. Anche smartphone e tablet diventano sempre più accessibili, come dimostreranno il programmatore di applicazioni Android (e consigliere di Apri onlus) Alessandro Albano e gli “utenti avanzati” di iPhone e iPad Elisabetta Barsotti e Alessio Lenzi.

Chiude gli interventi della mattina il presidente dell’associazione Rp Liguria Claudio Pisotti, che farà una panoramica dei progetti di ricerca sulle protesi retiniche. Nel pomeriggio si prosegue con una tavola rotonda sulle tecnologie come strumento di integrazione, a cui, tra gli altri, parteciperà la presidente dell’associazione Retinite Pigmentosa Emilia-Romagna Mirella Bighi.

Per tutta la giornata, nell’area adiacente alla sala del convegno sarà inoltre allestita una mostra in cui si potranno provare le tecnologie per non vedenti e ipovedenti.
La mostra-convegno è organizzata con i patrocini di Regione Emilia-Romagna, Provincia e Comune di Piacenza. Ingresso libero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.