“Musica diffusa”, a Villa Raggio oltre un mese di concerti

Dal 4 maggio al 9 giugno, a Pontenure, infatti, si terrà la prima edizione del festival "Musica diffusa" con 5 week end musicali e non solo perchè la struttura liberty sarà sede anche di un mercato del vintage di un’esposizione di piante ed aromi, di design e mostre

Più informazioni su

Oltre un mese di musica farà rivivere la Serra di Villa Raggio. Dal 4 maggio al 9 giugno, a Pontenure, infatti, si terrà la prima edizione del festival “Musica diffusa” con 5 week end musicali e non solo perchè la struttura liberty sarà sede anche di un mercato del vintage (a cura di Sant’Antonino Vintage), di un’esposizione di piante ed aromi (a cura dell’Orto Botanico Cooperativa Sociale), di design e mostre. Promotore dell’evento, patrocinato dal Comune di Pontenure, é l’associazione Banda Larga.

“Banda Larga é un’associazione, attiva dal  2007, di professionisti – ha detto la presidentessa Francesca Volta – che lavorano nell’ambito della cultura”. “Il Festival – ha spiegato Gian Andrea Guerra della stessa associazione – proporrà una programmazione con artisti di eccellenza con una spesa contenuta. Verranno presentati 5 nuovi dischi, con concerti alla domanica mattina, abbinati ad altre manifestazioni di grande livello”. Nella cornice, recuperata, verranno girati i video dei dischi che verranno presentati; e verranno valorizzati i giovani talenti delle scuole di musica e delle associazioni locali.

“L’idea di organizzare un festival come questo a Pontenure – ha detto Serena Groppelli – nasce da una serie di coincidenze; abbiamo scoperto questo posto e abbiamo voluto fortemente utilizzarlo”. Ció é stato reso possibile dal fondamentale appoggio dell’amministrazione comunale. “Abbiamo sempre voluto – ha detto il sindaco Angela Fagnoni – creare nel parco Raggio una cittadella della cultura: nel parco viene organizzato il cinema all’aperto e Concorto, nel rustico ha sede il centro giovanile, nella cantina della serra la sala prove e nella villa la biblioteca. La serra, un vero gioiello, é stata messa in sicurezza ma meriterebbe di essere recuperata completamente. A causa dei tagli e del patto di stabilità fino ad oggi non é stato possibilche speriamo che la situazione si sblocchi e che venga definitivamente trasformata in un luogo aperto ad iniziative e spettacoli culturali”. Presente alla conferenza anche l’assessore alla cultura di Pontenure Roberto Modenesi che ha ringraziato i presenti che “hanno messo il primo tassello per il recupero della serra”.

“Nella serra verrà allestita un’esposizione/mercato di abiti vintage – ha spiegato Graziella Trecordi, titolare di Sant’Antonino 34 Vintage, negozio che si occupa di recupero e vendita di capi vintage. Mentre l’associazione Santa Fabbrica e Trattofficina allestirà il luogo con mobilio di recupero.


IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI APERTURA
:
Sabato 4 e domenica 5 maggio ASPETTANDO MUSICA DIFFUSA. Sabato 4 maggio alle ore 16 da piazza Re Amato partirà la Banda di Pontenure che andrà in corteo verso la serra dove, diretta dal maestro Bolzoni, terrà un concerto. Taglio del nastro da parte del sindaco, Angela Fagnoni. Sempre nel pomeriggio il Circolo Oblak con i clown Meroni e Zamboni diretti da Maurizio Accattato, firmerà uno spettacolo di acrobatica, giocoleria, clown e musica. Aperitivo offerto dall’AIS con dj set di Karmachina. Domenica 5, alle ore 11, si esibiranno i Cani della Biscia che presenteranno “Fai come faresti”, nuovo album con 12 brani inediti.

CONSULTA IL PROGRAMMA COMPLETO SU www.blpc.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.