Profumi e sapori del Piacentino, al via la rassegna dell’Asparago 

Profumi e sapori del Piacentino. Con piatti forse inaspettati, ma di sicuro impatto sull'attenzione (e la gola) anche dei commensali più esigenti. È un appuntamento per veri gourmand quello proposto dal “Consorzio per la Promozione, Sviluppo e Tutela dell'Asparago Piacentino” che per due mesi – dal 10 aprile al 10 giugno – promuove in una trentina di ristoranti di tutta la provincia la speciale “Rassegna Gastronomica dell'Asparago Piacentino”. 

Più informazioni su

Profumi e sapori del Piacentino. Con piatti forse inaspettati, ma di sicuro impatto sull’attenzione (e la gola) anche dei commensali più esigenti. È un appuntamento per veri gourmand quello proposto dal “Consorzio per la Promozione, Sviluppo e Tutela dell’Asparago Piacentino” che per due mesi – dal 10 aprile al 10 giugno – promuove in una trentina di ristoranti di tutta la provincia la speciale “Rassegna Gastronomica dell’Asparago Piacentino”. Un’occasione per assaggiare ricette gustose, come per esempio gli asparagi croccanti, la zuppa, i tortelloni, il pollo al curry, l’involtino di branzino, la mousse e addirittura il gelato all’asparago.
 
Piatti dal gusto insolito e dagli incredibili aspetti nutrizionali: l’asparago è infatti ricco di fibre assai importanti per l’organismo quali i frutto-oligosaccaridi-FOS, le vitamine B1, B6, A e C, l’acido folico e l’asparagina, che possono agire in modo positivo come antidepressivi, antiossidanti, sviluppano la flora batterica intestinale, tengono sotto controllo il colesterolo, regolano la diuresi e il metabolismo del sistema nervoso.
 
La Rassegna Gastronomica dell’Asparago Piacentino rappresenta però non solo un’occasione golosa per scoprire le eccellenze gastronomiche del territorio, bensì anche un’opportunità per visitare le bellezze artistiche di una provincia ricca di storia e di cultura. Chi va a pranzo o a cena in uno dei ristoranti che aderiscono alla kermesse riceve infatti un coupon valido per entrare gratuitamente in autentici tesori quali il Palazzo Farnese di Piacenza (con la Pinacoteca e i suoi prestigiosi musei), la Rocca di Castell’Arquato, i castelli di San Pietro in Cerro, di Gropparello e di Rivalta. Il coupon dà inoltre diritto all’estrazione di un premio: il fortunato vincitore avrà diritto a trascorrere una notte omaggio nella prestigiosa “Torre del Borgo”, antica dimora padronale quattrocentesca di Sariano di Gropparello oggi trasformata in raffinata residenza d’epoca.
 
Ma in fatto di scoperta del territorio non è tutto. Novità assoluta dell’edizione 2013 della rassegna è l’ideazione di sei eventi a tema gastronomico denominati “L’Asparago Scende in Piazza”. Durante tutto il periodo della kermesse si potranno così raggiungere alcune delle più belle piazze di Piacenza e dei paesi della provincia dove esperti chef prepareranno e serviranno al pubblico presente assaggi di ricette a base di asparago, abbinati alle altre prelibatezze del territorio come grana, coppa, torta di patate e vini Doc. E la scusa sarà buona per abbinare anche in questo caso un tour culturale alla buona gastronomia. Ecco quindi il calendario degli eventi in piazza: domenica 21 aprile Agazzano, giovedì 25 aprile Carpaneto, domenica 5 maggio Rivergaro, sabato 18 maggio piazza Borgo a Piacenza (evento organizzato in occasione dell’iniziativa “La Notte dei Musei”), domenica 26 maggio Monticelli d’Ongina, domenica 2 giugno Cortemaggiore. 
 
La rassegna si chiuderà il 9 giugno con una grande festa nella centrale piazza Cavalli, a Piacenza. In programma happy hour, degustazioni di prelibatezze a base di asparago preparate dai grandi della cucina piacentina e accompagnate dai migliori vini del territorio, spettacoli musicali dal vivo.
 
Per concludere ricordiamo che in occasione della rassegna è stato predisposto il pacchetto turistico “Sogno d’Asparago” (con soggiorno a scelta al Relais Cascina Scottina  di Cadeo, all’albergo ristorante Il Cervo di Agazzano o alla “Torre del Borgo” di Sariano di Gropparello; costo rispettivamente di 250, 120 e 195 euro a coppia) che comprende: aperitivo di benvenuto, pernottamento con prima colazione, cena con menu degustazione a base di asparago, visita guidata alle coltivazioni di asparagi (con possibilità di acquisti in cascina), biglietto omaggio per l’ingresso a una delle bellezze artistiche del territorio a scelta fra Palazzo Farnese di Piacenza (con la Pinacoteca e i suoi prestigiosi musei), Rocca di Castell’Arquato, castelli di San Pietro in Cerro, di Gropparello o di Rivalta.
 
Stesse condizioni vengono offerte dall’azienda agrituristica Case Riglio di Paderna di Pontenure al costo di 280 euro (inclusi però in questo caso due pernottamenti per due persone). Infine il pacchetto dell’hotel Leon d’Oro di Castell’Arquato che propone pernottamento in stanza doppia, cena con menu asparago, visita guidata a un’azienda agricola che coltiva asparagi e biglietto omaggio per l’ingresso a una delle bellezze artistiche del territorio per 105 euro a persona.
 
Chi fosse interessato può anche acquistare gli asparagi freschi di raccolta da: Azienda Agricola Finetti Iolanda, Maria e Cabrini Emanuela (località Muradello, Pontenure), Agriturismo Case Riglio (Paderna di Pontenure), Azienda Agricola Il Colombarone (località San Nazzaro, Monticelli d’Ongina), Zaffignani Diego (Roncarolo di Caorso), Zaffignani Claudio (Besenzone), Benzi Paola (Rottofreno), Barabaschi Stefano (Rottofreno), Azienda Agricola Agrifood (Piacenza), Azienda Agricola Francesco Nicolini (Agazzano), Azienda Agricola Marilena Ergasti (Saliceto di Cadeo).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.