Quantcast

Sabato anteprima in centro del Jazz Fest con tre eventi foto

Sabato 6 aprile 2013 sono in programma a Piacenza tre eventi pubblici di prefestival in centro città: il tradizionale appuntamento con il Gazebo suonante in Piazza Cavalli, l’inaugurazione della mostra “Improvvisazioni” in Via Cavour e il concerto dello Spirit Gospel nella Basilica di Sant’Antonino.

Nell’imminenza della decima edizione del “Piacenza Jazz Fest”, ideato e organizzato dall’Associazione Culturale “Piacenza Jazz Club” e in programma dal 14 aprile al 18 maggio, sabato 6 aprile 2013 sono in programma a Piacenza tre eventi pubblici di prefestival in centro città: il tradizionale appuntamento con il Gazebo suonante in Piazza Cavalli, l’inaugurazione della mostra “Improvvisazioni” in Via Cavour e il concerto dello Spirit Gospel nella Basilica di Sant’Antonino.

Dalle ore 15 alle 19, il Gazebo suonante in Piazza Cavalli sarà animato dalla “Sound Street Band”, formazione marciante fiorentina che suona con la stessa bravura Funky e Jazz tradizionale, ispirandosi alle marching band afro-americane che all’inizio del ‘900 si esibivano a New Orleans nelle occasioni più disparate, dalla parata, al carnevale, dalle feste alle cerimonie funebri. Nel gruppo spiccano musicisti di chiara fama quali Franco Baggiani, Giacomo Downie, Damiano Niccolini e molti altri. L’ensemble, davvero frizzante ed energico, è attivo già dal 1991 e ha registrato due album, Marchin the Blues e I Feel Good, entrambi prodotti da “Soundrecords”. Accanto alla rilettura di brani legati alla tradizione del Jazz, come Hello Dolly o Basin Street Blues, la band ha arricchito il repertorio con le forme più moderne della musica nera d’oltreoceano, come il Rhythm’n’Blues e il Funky.

Presso il gazebo sarà possibile ricevere informazioni sui concerti di quest’attesissima edizione della kermesse e acquistare i biglietti e gli abbonamenti. Le prevendite per i concerti proseguiranno fino all’11 maggio prossimo presso i seguenti punti della città: Piacenza Jazz Club, Via Musso 5, Piacenza (dal lunedì al venerdì, ore 15.00/19.00); Alphaville, Via Tempio 50, Piacenza (tutti i sabato mattina dalle ore 10.00 alle ore 12.30). Per informazioni: segreteria@piacenzajazzclub.it; biglietti@piacenzajazzclub.it (solo per chi risiede fuori dalla provincia di Piacenza); Tel. 0523/579034 – 348/6969333. L’iniziativa “Gazebo suonante”, organizzata dal “Piacenza Jazz Club”, è uno dei più simpatici momenti pubblici di promozione dell’iniziativa: «Sarà come ogni anno una grande festa all’insegna della cordialità e dell’allegria nel cuore del centro storico cittadino – spiega Gianni Azzali, presidente del “Piacenza Jazz Club” e direttore artistico della kermesse piacentina – impreziosita quest’anno dall’inaugurazione di una mostra e che culminerà nel concerto gospel serale».

Alle ore 17, infatti, in via Cavour n. 7, sempre con l’accompagnamento della “Sound Street Band”, verrà inaugurata la mostra “Improvvisazioni” – Sei illustratori e sei fotografi per il Jazz Fest, organizzata in collaborazione con “Unione Commercianti” e con il sostegno decisivo della “Camera di Commercio” di Piacenza.

Ascoltare la musica, traslare emozioni e suggestioni sulla carta, facendo riferimento all’immaginario di un mondo fatto di soggetti e oggetti della fantasia; realizzare un’immagine illustrata che evochi e definisca gli stilemi della musica jazz. E’ questo che ha fatto un neonato gruppo di sei illustratori composto da Silvio Boselli di Milano, Maria Luisa Gasser di Bolzano e Cristina Martini, Donata Montanari, Liza Schiavi e Marco Vaccari di Piacenza. Con loro sei fotografi: Angelo Bardini, Roberto Cifarelli, Danilo Codazzi, Fausto Mazza e Marco Rigamonti. Lo spazio è un insieme di quattordici grandi vetrine di un edificio nel pieno centro storico piacentino, dismesso da una banca e gentilmente concesso da “Unione Commercianti” di Piacenza, con il nobile e condiviso intento di animare il centro storico, soprattutto in un difficile momento di crisi. Viene esposto il risultato di un dialogo fra immagine e musica, partendo dal presupposto che l’espressione formale, cromatica e compositiva possano trovarsi in sintonia con i ritmi, le armonie e le melodie del Jazz.

Alle ore 21.15, presso la Basilica di Sant’Antonino, nell’omonima piazza, è in programma il concerto gratuito dello Spirit Gospel Choir featuring Elohim Gospel Choir and Gospel Rock friends, diretto da Andrea Zermani e da Annachiara Farneti. L’evento è organizzato in collaborazione con il “Lions Club” IV Circoscrizione di Piacenza, che dimostrando grande sensibilità e condivisione nei confronti dell’iniziativa, si è generosamente offerto di sostenerla e grazie alla disponibilità della Basilica di Sant’Antonino, fortemente rappresentativa della città perché dedicata proprio al suo patrono.

Nato dall’iniziativa di un gruppo di amici, legati dalla passione per la musica e dalla convinzione dell’enorme potere che essa possiede nell’arrivare diritta all’anima, lo “Spirit Gospel Choir” canta la “parola di Dio” (“God spell”) attraverso sonorità coinvolgenti e ritmiche, ma anche melodiche e meditative. Il coro conta quaranta elementi ed è diretto da Andrea Zermani, musicista, musicologo e co-direttore dei corsi della “Milestone School of Music” di Piacenza. La cura delle voci è affidata ad Anna Chiara Farneti, cantante, musicologa, canto-terapeuta ed esperta nelle diverse applicazioni della voce, in ambito sia artistico, sia olistico. L’intento, peraltro riuscitissimo, dello “Spirit Gospel Choir” è di arrivare a toccare i cuori di tutti coloro che ascoltano, inducendo un’emozione reciproca attraverso il canto, l’armonia, l’energia dell’amore e della gioia, la condivisione di un unico sentimento. Nello spirito di condivisione e amicizia propri della musica gospel, lo “Spirit Gospel Choir” avrà il piacere di incrociare le voci con gli amici dell’Elohim Gospel Choir di Grottaglie, diretti da Vito D’Amicis e con gli amici del Gospel Rock, che arriveranno a Piacenza direttamente dal Regno Unito. Il progetto Elohim Gospel Choir nasce nel gennaio 2006 dall’idea di affiancare all’aspetto spettacolare e comunicativo del Gospel l’impegno e la solidarietà. L’idea diviene realtà nel 2009 e da allora l’EGC ha organizzato svariati eventi, partecipando a iniziative benefiche e a campagne di sensibilizzazione su temi di rilevanza sociale. Intento principale è praticare la solidarietà attraverso una musica che rechi in sé un messaggio di gioia e di speranza. Di recente è stato pubblicato il primo CD del coro, intitolato “Godspell”. Gospel Rock, invece, è la prima e la più importante agenzia dedicata specificatamente alla promozione della “Christian Music” nel mondo. Attraverso diversi concorsi in varie località del Regno Unito, “Gospel Rock” seleziona artisti e autori dediti alla musica sacra, per coinvolgerli poi in tutte quelle manifestazioni, o incontri di preghiera, nei quali la musica è veicolo insostituibile per emozioni e intenzioni. Avremo, pertanto, il piacere di accogliere a Piacenza alcuni tra i più importanti artisti e coordinatori di questa bella realtà musicale e spirituale. In scaletta diversi brani provenienti dalla tradizione “Gospel” e “New Gospel”, che saranno eseguiti con l’accompagnamento di Erminio Cella al pianoforte, Stefano Sarchi alla chitarra, Alex Carreri al basso e Marco Bianchi alla batteria, alla frequenza di 432 Hz e non, come di consuetudine, a 440 Hz. La ragione di ciò risiede nel fatto che il “diapason scientifico”, come viene chiamata la frequenza a 432 Hz, è perfettamente in sintonia con la frequenza vibratoria fondamentale del corpo umano e perciò penetra armoniosamente in chi ascolta, “accordando” il suo organismo e permettendogli di godere appieno delle frequenze musicali percepite.

“Piacenza Jazz Fest” si fregia del patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed è realizzato con il sostegno determinante della Fondazione di Piacenza e Vigevano, con il supporto della Regione Emilia-Romagna, del Comune e della Provincia di Piacenza e con il contributo di alcune importanti realtà istituzionali e imprenditoriali del territorio.

Il prefestival “Aspettando il Jazz Fest” prosegue domenica 7 aprile con il concerto del Note Noire Quartet  in programma al Centro Commerciale “Gotico” di Piacenza alle ore 17.30, che inaugura la  rassegna “Il Jazz al Centro – Aperitivo Swing”, collaterale al “Piacenza Jazz Fest” e organizzata in stretta collaborazione con la Direzione del centro “Gotico”.

***

La manifestazione “Piacenza Jazz Fest”, propone anche quest’anno la rassegna “Il Jazz al Centro – Aperitivo Swing”, collaterale alla decima edizione della kermesse. L’iniziativa e` organizzata dal “Piacenza Jazz Club”, in stretta collaborazione con la Direzione del Centro Commerciale “Gotico” di Piacenza e si articola in tre concerti gratuiti, in programma al “Gotico” di Via Emilia Parmense 151, nei pomeriggi di domenica 7, 14 e 21 aprile 2013.

La rassegna si inaugura domenica 7 aprile 2013, nell’ambito del Prefestival – Aspettando il Jazz Fest, con il concerto del gruppo Note Noire Quartet – Musiche zingare d’Europa, a ingresso libero, in programma alle ore 17.30 presso la Piazza del Gusto (interna alla galleria del centro commerciale). Durante la perfomance sara` offerto un aperitivo a tutti i visitatori, in collaborazione con l’azienda “Perini & Perini”, per arricchire i momenti musicali con un ulteriore tocco di convivialita`.

Sul palco Ruben Chaviano al violino, Roberto Beneventi alla fisarmonica, Tommaso Papini alla chitarra e Mirco Capecchi al contrabbasso. Lo spettacolo offerto dal quartetto e` un viaggio attraverso suoni e forme delle tradizioni zingare che hanno percorso l’Europa nel Novecento: le czardas ungheresi, il valse musette, lo swing, le hora rumene. Questo eterogeneo panorama musicale, che si estende dalla Francia ai Balcani fino ai paesi dell’Est europeo, attraversando Alsazia, Ex-Jugoslavia, Albania, Serbia e Romania, viene amalgamato in una sonorita` che e` tipica dello swing manouche francese, in omaggio al musicista Django Reinhardt e al suo popolo, gli zingari, unici testimoni, a oggi, della straordinaria varieta` e ricchezza di linguaggi musicali che animano la cultura europea. Il violino racconta, piange, scherza, fugge, alla ricerca di un incanto sonoro che insieme alla ritmica potente ma leggera di chitarra, fisarmonica e contrabbasso, possa sollevare le anime e unirle in festa. Durante il concerto non mancheranno spazi d’improvvisazione, nei quali temi e arie si libereranno, guidati di volta in volta dai singoli strumenti.

Lungo la galleria del Centro Commerciale “Gotico” sara` esposta una parte della mostra fotografica “Fermoimmagine – Scatti dai precedenti Jazz Fest”, che offre una selezione dei migliori scatti dei fotografi ufficiali della manifestazione (Angelo Bardini, Roberto Cifarelli, Danilo Codazzi, Paolo Guglielmetti, Fausto Mazza e Marco Rigamonti). Le immagini (montate su forex di 70×100 cm) bloccano un frammento di creativita` o di relax dei tanti artisti intervenuti nelle nove precedenti edizioni del “Piacenza Jazz Fest”. L’iniziativa “Il Jazz al Centro – Aperitivo Swing” si replichera` domenica 14 aprile con il gruppo Sandro Di Pisa Quartet featuring Claudia Bernath.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.